Mondiali calcio, la storia di Richarlison

L’asso brasiliano in forza al Tottenham è una delle stelle della rassegna iridata. Con Neymar Jr, Vinicius Jr e Raphinha forma il quadrilatero delle meraviglie

Tempo di lettura: 3 Minuti
857
Curiosità sui Mondiali

Mondiali calcio, la storia di Richarlison. Sul mondiale in Qatar splende la stella di Richarlison de Andrade, noto semplicemente come Richarlison. Il ct Adenor Tite Bacchi ha puntato forte sul talento del ragazzo nato il 10/05/1997 a Nova Venecia, Espirito Santo (Brasile). Gioca da centravanti e ha la fortuna di avere alle spalle gente come Neymar Jr, Vinicius Jr e Raphinha. La storia del giocatore è particolare, affascina le masse. Partito dalla povertà, passando attraverso mille peripezie, oggi è l’idolo incontrastato della tifoseria verde oro. Piace la grinta, il carattere, le doti tecniche innate e la simpatia trascinante. All’interno dello spogliatoio brasiliano è uno dei leader incontrastati. In campo lo si vede incoraggiare i compagni e spendersi in rincorse a sostegno dei centrocampisti e difensori.

Mondiali calcio, la storia di Richarlison: le quattro tappe dell’ascesa dell’astro brasiliano

Agosto-settembre 2016. Il giovanissimo Richarlison, 19 anni compiuti da 3 mesi appena, rimane fuori dalla lista dei convocati del Fluminense per 5 partite di campionato di fila, più una di coppa nazionale. Acerbo e tecnicamente grezzo, non convince pienamente l’allenatore, Levir Culpi, che decide momentaneamente di fare a meno di lui. E fa storcere il naso anche al club, che pochi mesi prima aveva sborsato 10 milioni per portarselo a casa, cifra non indifferente nel calcio brasiliano.

Luglio 2019. Richarlison entra a un quarto d’ora dal termine di una finale di Coppa America e nel recupero, come fosse la cosa più normale di questo mondo, si presenta sul dischetto del Maracanã per infilare nella rete peruviana il pallone del 3-1, quello che chiude i conti laureando il Brasile campione continentale.

Gennaio 2020. Richarlison gioca nell’Everton, che lo ha prelevato dal Watford per la bellezza di 50 milioni di sterline, ed è ormai uno dei migliori calciatori della Premier League, il campionato più importante e affascinante del pianeta. Tanto che il Barcellona decide di investire pesantemente su di lui: ‘Sky Sports UK’ spara la notizia di un’offerta che ha dell’incredibile: 100 milioni di euro. Così come incredibile è la risposta dell’Everton, che decide di tener duro e la rispedisce prontamente al mittente.

Autunno 2022.Richarlison è il numero 9 del Brasile ai Mondiali. Lui che al Tottenham fa l’esterno d’attacco, perché uno come Harry Kane mica si scalza tanto facilmente (anzi, non si scalza proprio). All’esordio contro la Serbia, con quella magnifica sforbiciata, ha messo a segno la rete fin qui più bella del torneo. Poi si è ripetuto contro la Corea del Sud, finalizzando un azione collettiva da puro videogame.

Sono appena quattro episodi di un’ascesa che, da qualche anno a questa parte, ha raggiunto vette vertiginose. Partendo dal basso. Dall’infanzia povera trascorsa a Nova Venécia, nello stato dell’Espirito Santo, Est del Brasile, Richarlison è arrivato repentinamente alla fama e alla gloria. Senza perdere mai la testa. E senza dimenticare le proprie origini. Più volte ha donato tonnellate di alimenti alle famiglie povere del suo Stato natale, oltre a partecipare a continue iniziative di beneficenza, pubblicizzate e non.

Mondiali calcio, la storia di Richarlison. La carriera del centravanti-esterno

Calcisticamente cresciuto nel settore giovanile dell’América MG di Belo Horizonte, ha esordito in prima squadra il 04/07/2015 nella vittoria per 3-1 contro il Mogi Mirim, segnando subito un gol. Al termine della stagione conquista la promozione in Serie A, mettendosi in mostra come uno dei migliori giovani del campionato.

Il 03/01/2016 viene acquistato dalla Fluminense, squadra con cui ha firma un contratto di 5 anni. Nel 2017 passa agli inglesi del Watford per circa 10 milioni di euro. Con la squadra londinese  disputa tutte le 38 partite di Premier League, risultando l’unico calciatore della rosa a conseguire tale obiettivo.

Il 24/07/2018 viene preso dall’Everton per circa 50 milioni di euro, diventando così l’acquisto più costoso nella storia del club. Qui ha ritrova il tecnico Marco Silva, che lo aveva già allenato nella stagione precedente al Watford. Nella sessione di mercato estiva 2022 si trasferisce al Tottenham a titolo definitivo per circa 58 milioni di euro, con cui sottoscrive un contratto fino al 30/06/2027.

 

 

 



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam + 87 = 89