MotoGP, Stoner rivela: “Godevo a veder Valentino Rossi soffrire sulla Ducati”

Stoner e Rossi, con loro duelli spettacolari in MotoGP. L’australiano, però, si toglie un sassolino dallo stivale.

466
Duello Stoner-Rossi - Fonte foto - Sito Wikimedia Commons

MotoGP, Stoner vs Rossi – È uscito da poco RiVale, l’interessante documentario in onda su Dazn dedicato agli antagonisti del nove volte campione del mondo di MotoGP: Valentino Rossi. I principali rivali, nell’arco della carriera del pesarese, sono stati Max Biaggi, Marco Melandri, Andrea Dovizioso, Jorge Lorenzo e Casey Stoner. Ed è proprio dell’ex pilota australiano che ci soffermeremo in questo articolo. Il motivo? L’ex campione Ducati avrebbe raccontato, ai microfoni della nota piattaforma dello sport in streaming, alcuni dettagli e aneddoti sul rapporto tra lui e il ‘Dottore’.

Precisamente, nella parte dedicata a Stoner nel documentario RiVale, l’australiano ha esordito dicendo: “Penso di essere in questo documentario perché all’apice della carriera di Valentino sono stato uno dei più grandi rivali. Si tratta della stagione in cui Rossi perse il Mondiale con Hyden (scomparso nel 2017) e quell’anno Casey fece il suo esordio in classe regina. La stagione successiva, Stoner passò in Ducati ed è proprio con la scuderia di Borgo Panigale che sono iniziate le vere e grandi battaglie.

Stando alle dichiarazioni rilasciate dall’australiano, però, la vera e propria supremazia di Valentino Rossi è uscita fuori in un particolare periodo. L’ex Ducati e Honda ha spiegato che il campione di Tavullia è stato il più grande pilota dei suoi tempi, soprattutto nei primi anni 2000. È stato in grado di fare cose che gli altri non sapevano fare. Era di un’altra categoria, poi però, sono arrivati lui, Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa e il numero 46 non era affatto superiore a tutti loro.

MotoGP, la pungente battaglia Rossi-Stoner

I due campioni Stoner e Rossi sono i due piloti che, molto probabilmente, sono stati protagonisti di pungenti battaglie in pista. Special modo dal 2007 al 2009, quando il pesarese era in Yamaha e l’australiano in Ducati (in quel periodo la rossa andava davvero forte, soprattutto sul rettilineo). La situazione si è poi capovolta nell’istante in cui Casey è passato su Honda lasciando il posto in Ducati a Valentino. Con la moto di Borgo Panigale il numero 46 ha vissuto il periodo più brutto e difficile della sua carriera.

Nel corso del documentario RiVale su Dazn, ecco che Stoner si lascia ad una frase su cosa provava in quel periodo e nelle stagioni ardue di Rossi con Ducati: “Non mentirò, godevo nel vedere Valentino soffrire a inizio 2011 con la Ducati. Aveva detto troppe cose su di lui e di come sarebbe stato in grado di cambiare la Ducati in meglio. In realtà stava solo peggiorando la moto. Probabilmente il suo limite era quello di non riuscire a fare un giro veloce con le sue forze. Era molto abile nel corpo a corpo, ma anche a rubare la scia per fare il giro veloce. Solo quando faceva questo riusciva a fare il giro veloce da solo”.

Classe '89, laureata alla Facoltà di Scienze Motorie di Napoli, sportiva al 100% e tifosa del Calcio Napoli sin da piccola. Amo e seguo lo sport a 360°. Ex giocatrice di pallacanestro per più di 20 anni. Amo andare in bici, esplorare la natura, andare al cinema, ascoltare la buona musica. Appassionata dei motori, soprattutto delle due ruote, adoro la spensieratezza che si prova guidandole. Il mio motto è: "Crederci Sempre, arrendersi Mai".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui