Lotteria scontrini. Regolamento, come iscriversi e premi in palio

Al via il primo gennaio 2021 la campagna lanciata dal governo. Vediamo insieme come funziona

301

Con l’arrivo del nuovo anno parte l’iniziativa governativa della “Lotteria degli scontrini”. Partecipare è semplicissimo e ci sono in palio ricchi premi in denaro sia per chi acquista sia per gli esercenti. Per potersi iscrivere alla lotteria serve aver compiuto la maggiore età ed inserire il proprio codice fiscale nell’area dedicata del sito del concorso. A quel punto verrà generato un codice lotteria personale da salvare e mostrare agli esercenti in caso di acquisto di beni o servizi. Gli acquisti generano automaticamente una serie di “biglietti virtuali” in base all’importo speso. Si partecipa alla lotteria sia con pagamenti in contanti che elettronici. Tuttavia, pagare tramite carte elettroniche permette di partecipare anche alle estrazioni “zerocontanti” che prevedono premi sia per gli acquirenti sia per i venditori. Gli acquisti online NON consentono di partecipare alla lotteria.

Lotteria scontrini: i premi in palio

I premi in palio sono assegnati tramite diverse estrazioni, vediamole insieme:

  • Sette premi di 5.000 euro ciascuno per le estrazioni settimanali;
  • Tre premi da 30.000 euro ciascuno per le estrazioni mensili;
  • Un premio di 1 milione di euro per l’estrazione annuale.

Inoltre, sono previsti premi anche per le estrazioni “zerocontanti”, validi sia per chi acquista che per chi vende:

  • quindici premi da 25.000 euro ciascuno per il consumatore e quindici premi da 5.000 euro ciascuno per l’esercente, per le estrazioni settimanali;
  • dieci premi di 100.000 euro ciascuno per il consumatore e dieci premi di 20.000 euro ciascuno per l’esercente, per le estrazioni mensili;
  • un premio di 5.000.000 di euro per il consumatore e un premio di 1.000.000 di euro per l’esercente, per l’estrazione annuale.

La polemica degli esercenti

L’iniziativa non ha però ricevuto un’accoglienza positiva da parte dei commercianti. Per poter partecipare alla lotteria serve infatti adeguare i registratori di cassa. Quest’operazione, che ha un costo di qualche centinaia di euro, non è garantita dallo Stato, ma è a carico dei commercianti. Molti lavoratori, già in ginocchio per le limitazioni a causa della pandemia, hanno deciso di non aderire alla campagna. Resta quindi da capire come e se intende intervenire il governo di fronte a questo problema.

 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui