Acqua minerale ritirata dal commercio, la nota marca

Acqua minerale ritirata dal commercio, la nota marca in bottiglia che potremmo utilizzare e tenere tutti in casa

Tempo di lettura: 2 Minuti
14036
Acqua minerale ritirata dal commercio, la nota marca

Acqua minerale ritirata dal commercio, la nota marca. Passa qualche giorno e spunta sempre una nuova allerta alimentare (e ciò che risulta essere affine). In questo caso, parliamo di una nota marca di acqua minerale in bottiglia che sarebbe stata ritirata dal commercio per rischio microbiologico. Attraverso questo approfondimento vi sveleremo il noto marchio incriminato e i corrispettivi lotti. Insomma, prosegue in questo la lunga lista dei richiami alimentari che, nel corso degli ultimi mesi, hanno interessato: gelati, cioccolate, barrette, snack, patatine, una tipologia di acqua utilizzata per i neonati, farina, pasta, etc. Tali notizie devono essere necessariamente condivise per il bene comune, in quanto è in gioco la salute di tutti.

Acqua minerale ritirata dal commercio, la marca incriminata e i relativi lotti

Come dianzi accennato, una tipologia di acqua minerale in bottiglia è stata ritirata dal commercio per rischio microbiologico. Di seguito, la marca e i lotti interessati: Fonte Valle Reale, acqua naturale oligominerale prodotta da Gran Guizza Spa nello stabilimento di Popoli, in provincia di Pescara (Abruzzo). I lotti interessati dal richiamo sono: 10LB2202A e 08LB2208A. La data di scadenza presenta sulla confezione è (rispettivamente): il 20 gennaio 2024 e il 26 gennaio 2024. Inoltre, vi sveliamo che le confezioni ritirate dagli scaffali dei supermercati sono quelle da sei bottiglie da un litro e mezzo ciascuna.

Proprio come dicevamo prima, è necessario prestare la massima attenzione e, dunque, chiunque abbia acquistato l’acqua minerale sopra menzionata non deve assolutamente consumarla; inoltre, è possibile restituire il prodotto presso il punto vendita in cui è stata acquistata e chiederne il rimborso della spesa. Infine, vi ricordiamo che non è necessario esibire lo scontrino fiscale che ne attesta l’acquisto. Unico consiglio è quello di fare molta attenzione, in quanto, all’interno delle confezioni, è stata riscontrata la presenza dello Staphylococcuc Aureus che potrebbe comportare problemi alla pelle, ma anche a livello respiratorio, all’apparatore scheletrico, urinario e al sistema nervoso centrale.

 

Fonte: contocorrenteonline.it



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam + 27 = 32