“No Vax? Parassiti”, noto conduttore in diretta tv, ecco chi è

“No Vax? Parassiti”, le pesanti parole enunciate in diretta tv da parte di un noto conduttore e giornalista di Rete 4

Tempo di lettura: 2 Minuti
15608
“No Vax? Parassiti”, noto conduttore in diretta tv, ecco chi è

“No Vax? Parassiti”, noto conduttore in diretta tv. Sono queste le pesanti parole enunciate da un noto conduttore e giornalista durante la diretta tv di una famosissima e seguitissima trasmissione che va in onda su Rete 4. Nello specifico, nel corso della trasmissione Zona Bianca andata in onda giovedì 21 luglio in prima serata su Rete 4, il conduttore Giuseppe Brindisi e gli ospiti in studio e in collegamento, discutevano dell’efficacia dei vaccini e dell’importanza di fare la quarta dose.

Durante le discussioni (le quali sembrano essere quasi sempre a senso unico), si è parlato dei famigerati “No Vax” e della loro reticenza e diffidenza nei confronti dei vaccini “sperimentali” utilizzati e somministrati per “sconfiggere” il Covid e la pandemia. A un certo punto, dopo una serie di dirette tv e particolare attenzione ai toni accesi, al rispetto delle persone e a un linguaggio decoroso da utilizzare dinanzi alle telecamere, il presentatore si è lasciato sfuggire una frase “particolare”. La medesima che di seguito vi riportiamo: “Allora i No Vax potremmo definirli dei parassiti?!”. Un’affermazione posta sotto forma di domanda rivolta agli ospiti in collegamento (Galli e Crisanti) alla quale pare abbia ricevuto una sonora risposta affermativa.

“No Vax? Parassiti”, le dure parole del presentatore nel corso della diretta tv su Rete 4

Per certi versi, il codice etico e morale dovrebbero essere dei principi cardini da tenere sempre a mente. In particolar modo, se si è un presentatore televisivo, un conduttore e un giornalista che, dopo diversi anni di gavetta e lavoro, dovrebbe conoscere tutto questo a menadito. Eppure, non è quello a cui molti telespettatori hanno assistito nel momento in cui hanno udito tali parole enunciate in diretta tv. Una sorta di vera e propria discriminazione per quel fatidico “4%”. Una piccola percentuale che resta incompresa, presa di mira e sbeffeggiata e che, in realtà, viene raramente ascoltata. Parole piuttosto forti che risulterebbero alquanto offensive e che, invece, dovrebbero essere più misurate e ponderate, soprattutto in tali occasioni. È necessario tenere sempre a mente il valore dell’uguaglianza e della libertà d’espressione del proprio pensiero. Ovviamente, rispettando (sempre e comunque) chi la pensa in maniera differente da noi.

E la deontologia giornalistica che fine ha fatto?

 

Video della puntata: https://mediasetinfinity.mediaset.it/video/zonabianca/puntata-del-21-luglio_F311546901003301