Segnali dal centro della Terra, sta succedendo qualcosa

Strano segnali giungono direttamente dal centro della Terra, lo studio sugli inquietanti cambiamenti e i terremoti, sta succedendo qualcosa

Tempo di lettura: 2 Minuti
20680
Segnali dal centro della Terra, sta succedendo qualcosa

Segnali dal centro della Terra, sta succedendo qualcosa. Un avvertimento? L’ennesimo allarme di cui dovremmo preoccuparci? Di certo c’è che il nostro pianeta sta subendo dei cambiamenti proprio all’interno del nucleo. Ovviamente, gli studi in corso evidenziano la netta differenza tra nucleo esterno e interno al fine di comprendere cosa stia accadendo realmente. Ma, in base agli avvenimenti e alle stranezze poste in essere, non vengono nemmeno esclusi i cambiamenti climatici e gli eventi sismici. Tra questi ultimi, ne sono stati presi in esame due nella medesima zona che hanno accentuato queste divergenze e incongruenze inspiegabili. Logicamente, letta in questo modo, la cosa lascia un po’ basiti e perplessi, per tale motivo abbiamo deciso di approfondire il discorso e riportare anche le dichiarazioni rilasciate dalla geoscienziata Zhou.

Segnali dal centro della Terra: sta succedendo qualcosa, le dichiarazioni della professoressa Zhou

Quello che sta accadendo all’interno del nostro pianeta sta inquietando un po’ tutti e non poco. Alcuni recenti studi stanno cercando di individuare i cambiamenti che il nucleo (esterno e interno) sta subendo al fine di fornire delle risposte in breve tempo. Ma non solo, ci sono numerosi fattori che sono stati presi in esame e che sbalordiscono gli esperti, in quanto non rispecchiano e rispettano le consuete dinamiche che, ormai, conoscevano. Ma di cosa stiamo parlando? Cercheremo di essere quanto più chiari possibili, con lo scopo di fornirvi tutte le risposte di cui necessitate, attraverso anche le dichiarazioni della geoscienziata Zhou intervenuta proprio su tale avvenimento.

Difatti, la stessa si sarebbe focalizzata su ben due terremoti verificatisi a distanza di 21 anni (1997 e 2018) nelle Isole Kermadec nell’Oceano Pacifico. Dato che parliamo della medesima area, in base alle conoscenze geo-sismiche, ci si aspettava di registrare la stessa velocità di propagazione, ma, in realtà, ci sono state delle divergenze ritenute anomale. Nello specifico, le onde del secondo sisma hanno viaggiato a una velocità lievemente superiore rispetto a quelle di 20 anni prima. Tale fattore può significare solo una cosa: una mutazione anche nel nucleo esterno della Terra. Cambiamenti significativi che si tradurrebbero come ricerca sul cambiamento del campo magnetico terrestre. Dunque, gli attuali studi permetteranno di decifrare, comprendere e scoprire quello che sta effettivamente accadendo. E, di conseguenza, la scoperta di Ying Zhou potrebbe determinare una vera e propria svolta.

 

Fonte: Virgilio