Allarme uragano in Italia a metà settembre, categoria 2

Allarme uragano in Italia a metà settembre, un avvertimento reale e spaventoso che giunge direttamente dall’America

Tempo di lettura: 1 Minuti
15817
Allarme uragano in Italia a metà settembre, categoria 2

Allarme uragano in Italia a metà settembre. Una notizia che desta molte preoccupazioni e di cui si vociferava già da qualche settimana, ma ora ecco giungere il comunicato ufficiale. Nello specifico, a darne diffusione ci ha pensato il centro meteo americano Noaa che, mediante il modello di calcolo matematico Globale GFS, ha annunciato l’arrivo di un Uragano categoria 1 contro le coste atlantiche europee. Fin qui, sembrerebbe tutto tranquillo, ma il peggio deve ancora arrivare, dato che la data in cui il ciclone si abbatterà sulle coste europee coincide con quella del 13 settembre e, dulcis in fundo, il suddetto si ripercuoterà anche in Italia.

Allarme uragano in Italia a metà settembre, l’avvertimento e la categoria

I timori aumentano in maniera esponenziale e in modo proporzionale all’avvicinamento dell’Uragano che, per la prima volta, viene segnalato dal centro meteo americano.

La tempesta tropicale Danielle risulta essere piuttosto insolita, inoltre si intensifica rapidamente, acquisendo un’intensità fuori dal comune nell’area in cui si è formata. Ed è proprio quest’ultima che rende il tutto piuttosto strano, in quanto la sua formazione si è registrata a ovest delle Isole Azzorre. Da domenica, invece, potrebbe dirigersi verso est raggiungendo l’Europa.

Danielle sembra però voler fare un passo avanti e acquisire un livello di sviluppo che finora si è visto raramente così lontano dai tropici. Questo ciclone tropicale si è sviluppato in un’area dell’Atlantico caratterizzata da forti anomalie di temperatura.

Il timore e quello che provocherebbe

Se si generasse una forte instabilità baroclina, inizierebbe a svilupparsi un ciclone extratropicale. Il risultato in questo caso sarebbe una tempesta con venti molto forti che non avrebbero nulla da invidiare a quelli della sua fase di ciclone tropicale. Inoltre avrebbe al suo interno grandi quantità di umidità, conservate dalla sua fase tropicale, dando luogo a intense piogge diffuse.

Fonte: ilmeteo.net



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam 89 + = 93