È Guerra “mondiale”, parte il conto alla rovescia?

È Guerra “mondiale”, parte il conto alla rovescia? Una rivelazione scottante proferita dall’ex segretario Henry Kissinger

Tempo di lettura: 2 Minuti
25902
È Guerra “mondiale”, parte il conto alla rovescia?

È Guerra “mondiale”, parte il conto alla rovescia? Le dichiarazioni dell’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger non farebbero presagire il meglio. Difatti, lo stesso ha asserito che “ormai, siamo sull’orlo di una guerra con Russia e in Cina, un conflitto che – evidenzia – in parte abbiamo creato”. E, a questo punto, udire tali parole da un personaggio noto (proprio come Kissinger) che è conscio del fatto che il suo Paese si trovi sull’orlo di un conflitto con Mosca e Pechino, non è affatto rassicurante. Una guerra scaturita anche da posizioni assunte e da situazioni create da Washington che devono farci suonare il campanellino d’allarme. Scopriamo insieme cosa ha dichiarato con precisione.

È guerra “mondiale”, parte il conto alla rovescia verso il conflitto? Le dichiarazioni di Kissinger

L’Antidiplomatico ha riportato le dichiarazioni rilasciate dall’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger che ha asserito di vedere il suo Paese sull’orlo di una guerra con Mosca e Pechino. Ecco nel dettaglio cosa ha riferito nel corso di un’intervista al Wall Street Journal. “Siamo sull’orlo della guerra con Russia e Cina per questioni che abbiamo in parte creato, senza idea di come andrà a finire o cosa dovrebbe portare – e ancora – Ora non si può dire che ci separeremo e ci confronteremo [Russia e Cina]. L’unica cosa che si può fare è non accelerare le tensioni e creare opzioni, e per questo devi avere uno scopo” ha aggiunto, sostenendo che gli Stati Uniti dovrebbero cercare un “equilibrio” con i due paesi.

Lo stesso Kissinger ha evidenziato gli errori della NATO che si sarebbe posta contro Mosca, illudendo la speranza dell’Ucraina di poter far parte, un giorno, dell’alleanza.

D’altronde, solo a maggio, lo stesso aveva ribadito l’importanza di cedere alcuni territori ucraini alla Russia. Tali dichiarazioni non sono affatto piaciute a Zelensky che si sarebbe espresso duramente contro di lui. Mentre, un sito web ucraino radicale ha definito il politico un “complice dei crimini delle autorità russe contro l’Ucraina e i suoi cittadini”.

 

Fonte: L’Antidiplomatico



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam 6 + 1 =