Dpcm Sardegna: zona gialla confermata, cosa può accadere?

L’isola salvata dal miglior indice RT. Criticità nel sistema sanitario

134

Il Dpcm Sardegna, ossia il nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, ha per ora, promosso l’isola. Da giorni ormai si parla solo ed il esclusivamente di zone e colorazioni. Si era partiti da una cartina con 4 colori differenti, che indicavano situazioni diverse, per poi “chiudere” con soli tre coloro a tinte forti. Con questi tre colori: rosso, arancione e giallo, si è voluto indicare il grado di gravità del contagio da Covid-19, presente in quella precisa zona del paese. Una sorta di codice da Pronto Soccorso ospedaliero, quanto mai tristemente attuale. La Sardegna è stata dichiarata zona gialla, la meno grave.

Dpcm Sardegna, cosa accade

Essendo di colore giallo, la Sardegna è stata sottoposta a limitazioni meno gravose, rispetto a coloro che vivono in zone arancioni o rosse. Nell’isola le attività di ristorazione ad esempio, chiudono alle ore 18, e fino alle ore 22 possono proseguire con l’attività di asporto e consegna a domicilio. Le attività sportive sono quasi tutte sospese, tranne alcune di quelle praticabili all’aperto e senza “contatto”. Alcune attività hanno dovuto abbassare le serrande, ma la maggior parte, hanno potuto proseguire, seguendo determinati protocolli e limitazioni di orario e presenza. In queste ore erano attese delle variazioni, e si temeva che la Sardegna in potesse divenire zona arancione.

Cosa è accaduto

La Sardegna ha l’indice RT più basso del paese. È lo 0,79, ben al di sotto dell’1 e della soglia critica dell’1,5. Ciò le ha consentito di evitare il temuto ingresso nella zona arancione. L’aggiornamento avviene settimanalmente, e fortunatamente l’indice RT è risultato in calo in tutta Italia.Oltre all’Isola, altre tre regioni si confermano sotto la quota 1. Si tratta di Molise, Liguria, Lazio.  Tuttavia, è presente una criticità sanitaria, in quanto più del 30% dei posti letto in terapia intensiva è occupato. Questa situazione preoccupa non poco, il personale medico e sanitario, impegnato quotidianamente nella lotta al Coronavirus.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui