DPCM FAQ Governo, cosa si può fare e cosa cambia in ambito sportivo

Ieri è stato firmato il DPCM Natale in vigore da oggi, ed ecco tutte le novità

724

Dpcm, in arrivo nelle prossime ore le FAQ Governo che chiariranno tutti i punti presenti nel nuovo Decreto. Ieri in conferenza Conte in realtà ha già spiegato le misure adottate dal governo fino al 15 gennaio tra le critiche e le polemiche dell’opposizione e delle regioni. Una scelta che ha fatto discutere molto è stata la limitazione degli spostamenti durante i giorni festivi.

Dpcm Faq Governo: Spostamenti, quando sono consentiti?

Il nuovo Decreto infatti ha vietato lo spostamento tra regioni (anche tra regioni in zona gialla) dal 21 dicembre al 6 gennaio, salvo per il rientro al proprio domicilio/residenza o per i soliti motivi di urgenza che già conosciamo.

Ulteriori restrizioni durante i giorni 25, 26 dicembre e 1 gennaio quando saranno vietati anche gli spostamenti non necessari nel proprio comune. Ovviamente le polemiche sono state tante soprattutto da parte dei sindaci dei piccoli comuni. Giusto equiparare comuni come Milano a comuni di 1000 abitanti? la domanda è legittima, ma a quanto parte il Decreto non fa distinzioni.

Non c’è invece un limite alle persone da invitare a casa durante le feste, anche se è “fortemente raccomandato” pranzare e cenare solo con conviventi.

Il coprifuoco sarà ancora in vigore dalle 22 alle 5 del mattino e per capodanno sarà esteso fino alle 7 del mattino.

I ristoranti in zona gialla saranno aperti come di consueto dalle 5 alle 18 anche durante le feste, mentre in zona arancione e rossa solo d’asporto o domicilio fino alle ore 22.

Lo shopping sarà invece consentito, con l’apertura dei negozi fino alle 21 per evitare assembramenti e per permettere a tutti di fare acquisti; quarantena obbligatoria per chi arriva dall’estero tra il 21 dicembre e il 6 gennaio. Prima o dopo, basta presentare un foglio che dichiara la negatività al tampone.

Concorsi pubblici e privati sospesi (compreso il maxi-concorso dei docenti) scuola in presenza dal 7 gennaio per il 75% degli studenti.

Cosa cambia in ambito sportivo

In ambito sportivo cambia poco. Infatti gli eventi e le competizioni ritenuti di interesse nazionale dal Coni e dal Cip continuano ad essere svolti regolarmente; resta però invariato lo svolgimento a porte chiuse di qualsiasi evento.  Ancora niente sport di contatto e niente attività sportive amatoriali come il calcetto.

Ma la vera polemica è per la chiusura delle piste da sci anche per tutto il mese di dicembre e fino al 7 gennaio, se non per competizioni professionistiche. I lavoratori del settore e gli sciatori si sono fermamente opposti a questa decisione, contestandola apertamente; solo dal 7 gennaio in poi infatti saranno riammessi anche gli sciatori amatoriali e le piste potranno riaprire regolarmente, il che porterà una perdita economica non indifferente per il settore.

Niente da fare per palestre e piscine che restano chiuse in tutta Italia, indifferentemente dalla zona in cui si colloca la regione, e fino al 15 gennaio almeno.

—————————————————————————————————–PER RIMANERE AGGIORNATO SU TUTTE LE NOTIZIE E GLI AGGIORNAMENTI SPORTIVI IN TEMPO REALE SEGUICI SUL GRUPPO TELEGRAM CLICCANDO QUI !!!!!!!

 

 

 

 

Salve, sono Andrea Pignatiello, 22 anni, vengo da Torino e sono appassionato da sempre di sport ed in particolare di calcio. Collaboro con alcune testate giornalistiche online da un pò di anni e scrivo principalmente proprio di calcio e calciomercato. Ho lavorato anche qualche settimana e scritto 2 articoli su un noto quotidiano sportivo piemontese "Sprint e Sport".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui