Sinner, Djokovic, Nadal e Alcaraz: date, preparazione e aspettative Olimpiadi Parigi 2024

Tutte i modi con cui un campione di tennis guarda ai Giochi Olimpici Parigi 2024

Quando saranno le gare di tennis ai Giochi Olimpici Parigi 2024. La preparazione e le aspettative di Sinner, Nadal, Alacaraz e Djokovic

Tempo di lettura: 2 Minuti
931
Sinner, Alcaraz, Djokovic e Nadal verso i Giochi Olimpici tennis Parigi 2024

I Giochi Olimpici di tennis a Parigi 2024 saranno disputati sui campi del Roland Garros dal 27 luglio al 4 agosto. Tra i migliori tennisti al mondo l’approccio al prestigioso appuntamento è completamento diverso per esperienze e aspettative riferite a Olympics.com, il canale ufficiale delle prossime olimpiadi.

Giochi Olimpici tennis Parigi 2024:

Djokovic

Il numero 1 al mondo punta al gradino più alto del podio. La medaglia d’oro olimpica manca dall’elenco delle vittorie  del tennista serbo: 10 Australian Open, 7 Wimbledon, 4 US Open e 3 Roland Garros.

A proposito di Parigi 2024, Djokovic conferma che la vittoria è l’obiettivo più importante. La pianificazione degli allenamenti è già in atto con il suo team e Djokovic vuole dimostrare di giocare il suo migliore tennis e battere le stelle emergenti alle Olimpiadi:  “Finché sarò in grado di vincere contro Sinner, Alcaraz e Rune nei grandi tornei continuerò a giocare. Voglio che chiunque mi affronti senta la pressione

Jannik Sinner

Nell’attesa di sapere se Sinner sarà il porta bandiera della delegazione italiana alla cerimonia di apertura di Parigi 2024, prendiamo atto che è la prima volta che il tennista numero 2 nel Rank mondiale, non ha mai partecipato ai Giochi Olimpici.

Il suo allenatore Simone Vagnozzi ha riferito sulle pagine del Messaggero, i problemi e la complessa preparazione per affrontare al meglio gli impegni estivi: “I Giochi Olimpici arrivano in un momento congestionato della stagione e bisogna cambiare tre volte superficie in poco tempo: dall’erba di Wimbledon alla terra Olimpica del Roland Garros fino al cemento nordamericano verso gli US Open

Carlos Alcaraz

Vincitore di US Open e Wimbledon nel 2023, Alcaraz presenta le sue vincenti competenze sia sull’erba che sul cemento e terra rossa. Anche il giovane tennista spagnolo guarda a Parigi 2024 puntando al gradino più alto del podio, anche se preferisce affrontare gli appuntamenti con gradualità: “Lavorerò per essere a Parigi e per rappresentare la mia nazione, ma prima di allora ci saranno ancora tanti tornei importanti e dovrò concentrarmi su quelli”

Rafael Nadal

Per lo spagnolo, originario di Maiorca, già due volte oro olimpico, la terza vittoria sarebbe la gloriosa conclusione della carriera. Rivivamo con gioia la medaglia d’oro vinta da Nadal, per venti anni re del tennis internazionale, nel 2008 a Pechino. Con lui in finale Fernando Gonzalez e bronzo per il giovane Djokovic. Il video dei momenti salienti della finale e la premiazione.



Da qualche anno affianco la mia attività lavorativa con la scrittura sia di racconti, premiati in tre edizioni del Giallofestival di Bologna che di articoli per piattaforme digitali. Fortunatamente il lavoro part time, mi consente di dedicarmi anche a concorsi letterari vincendo riconoscimenti o segnalazioni anche per edizioni di poesia, come il concorso nazionale Argentario. Ho ricevuto di recente il premio al Salone del libro di Torino nell'ambito della IV edizione del Giallofestival di Bologna con titolo di primo classificato 'miglior personaggio non protagonista' e relativa pubblicazione del racconto nella raccolta 2022 Damster ed. Del Loggione. Per la piattaforma digitale Serendipity srl, società in cui Chiara Ferragni è comproprietaria, sono stata articolista descrivendo i viaggi e i video inviati dagli utenti del sito di affitti turistici. Sono una persona sportiva, con la mia mountain bike ho percorso tutte le strade del Chianti fiorentino. Sono convinta che la mobilità green sia l’unico futuro possibile per la salvaguardia dell’ambiente e per il benessere psicofisico. Avendo svolto studi in Scienze Agrarie durante il periodo di isolamento per la pandemia ho svolto una raccolta fotografica e classificazione di circa 200 specie di flora spontanea e di circa 70 specie micologiche dell'area del Chianti fiorentino.