Domenica 31 marzo la finale di ATP Miami 2024 Sinner-Dimitrov. In campo italia-Bulgaria, lo sport come esempio

Sinner vince contro Medvedev e gioca la sua terza finale al Hard Rock Stadium e per il secondo posto in ATP

Tempo di lettura: 2 Minuti
685
Sinner-Dimitrov 2024 a Miami Open

In vista della finale di ATP Miami Open che si terrà domani sera alle 20.50 ora locale, ripercorriamo i precedenti incontri tra Sinner e Dimitrov. La partita di finale sarà la quarta tra i due campioni del tennis, con Sinner favorito per portare in campo due match vinti su tre contro il bulgaro.

Il match di Dimitrov: le sue riflessioni su ATP Miami Open

Dimitrov ha sconfitto in semifinale Zverev in 2 ore e trentacinque minuti, centrando la vittoria al primo match point. “Ad ogni vittoria è inevitabile che ti emozioni di più, l’adrenalina sale, vuoi fare meglio e di più, ed eccoci qui, in finale. Ho continuato a lavorare e la disciplina mi ha portato a quel momento”, ha dichiarato Dimitrov in conferenza stampa.

Il rivale di Sinner ha cavalcato un percorso stellare in questo ATP di Miami Open. Il 32enne Dimitrov ha già sconfitto due giocatori tra i cinque più forti al mondo e ha intenzione di tentare il tutto per tutto con il terzo migliore tennista del mondo: Jannik Sinner.

La terza finale in ATP raggiunta da Dimitrov potrebbe portarlo alla seconda vittoria contando quella di Cincinnati nel 2017. “La cosa migliore è soprattutto essere riuscito a mettere insieme quelle partite, la costanza di battere i migliori giocatori. Questo, per me, è un successo molto più grande di qualsiasi altra cosa.” Ha escamato Dimitrov riguardo alle sue vittorie sui più grandi del tennis.

Il gioco della differenza di Jannik

Sinner ha battuto Medvedev in semifinale per 2 set a 0 in 1 ora e 10 minuti, una sconfitta bruciante per Daniil dopo la finale contro il tennista italiano agli Open di Australia. Le sconfitte subite da Sinner per lui arrivano a quota 5. Sinner considera le sue vittorie, che a noi sembrano schiaccianti, delle piccole differenze: “Oggi ho giocato molto bene, soprattutto all’inizio dei set. Poi ha sbagliato un paio di tiri dove di solito non sbaglia. Poi quando c’è, anche se la differenza è abbastanza piccola da un giocatore all’altro, ma se uno gioca un po’ meglio quel giorno e l’altro giocatore gioca un po’ peggio, a volte la differenza è grande”, ha spiegato Sinner in conferenza stampa.

Sinner in finale gioca anche la conquista al secondo posto di ATP mondiale, la sua tattica oltre al controllo sulle emozioni, è indurre l’avversario a commettere errori: “Penso che la tattica che ho usato all’inizio della partita non sia stata il problema. Il problema era l’esecuzione, troppi errori. Sì, non abbastanza precisione”, ha spiegato Medvedev con spirito sportivo dopo la gara.



Da qualche anno affianco la mia attività lavorativa con la scrittura sia di racconti, premiati in tre edizioni del Giallofestival di Bologna che di articoli per piattaforme digitali. Fortunatamente il lavoro part time, mi consente di dedicarmi anche a concorsi letterari vincendo riconoscimenti o segnalazioni anche per edizioni di poesia, come il concorso nazionale Argentario. Ho ricevuto di recente il premio al Salone del libro di Torino nell'ambito della IV edizione del Giallofestival di Bologna con titolo di primo classificato 'miglior personaggio non protagonista' e relativa pubblicazione del racconto nella raccolta 2022 Damster ed. Del Loggione. Per la piattaforma digitale Serendipity srl, società in cui Chiara Ferragni è comproprietaria, sono stata articolista descrivendo i viaggi e i video inviati dagli utenti del sito di affitti turistici. Sono una persona sportiva, con la mia mountain bike ho percorso tutte le strade del Chianti fiorentino. Sono convinta che la mobilità green sia l’unico futuro possibile per la salvaguardia dell’ambiente e per il benessere psicofisico. Avendo svolto studi in Scienze Agrarie durante il periodo di isolamento per la pandemia ho svolto una raccolta fotografica e classificazione di circa 200 specie di flora spontanea e di circa 70 specie micologiche dell'area del Chianti fiorentino.