Nations League: Italia sfortunata

Francia, Belgio e Israele per un girone tremendo

Tempo di lettura: 2 Minuti
711
Nations League: Italia nel girone di ferro

ITALIA SFORTUNATA – A la Maison de la Mutualité di Parigi si è tenuto il sorteggio di Nations League, che avrà inizio il 5 settembre 2024 e terminerà l’8 giugno 2025. L’Italia, inserita nella fascia 1, affronterà nel Gruppo 4 Francia, Belgio e Israele in un girone tutt’altro che semplice.

GLI ALTRI GRUPPI – La Nations League è divisa in 4 Leghe (A,B,C,D) che a loro volta contengono 4 gironi (eccezion fatta per il gruppo D).

LEGA A

Gruppo A1: Croazia, Portogallo, Polonia, Scozia

Gruppo A2: Italia, Belgio, Francia, Israele

Gruppo A3: Olanda, Ungheria, Germania, Bosnia Erzegovina

Gruppo A4: Spagna, Danimarca, Svizzera, Serbia

LEGA B

Gruppo B1: Repubblica Ceca, Ucraina, Albania, Georgia

Gruppo B2: Inghilterra, Finlandia, Irlanda, Grecia

Gruppo B3: Austria, Norvegia, Slovenia, Kazakistan

Gruppo B4: Galles, Islanda, Montenegro, Turchia

LEGA C

Gruppo C1: Svezia, Azerbaijan, Slovacchia, Estonia

Gruppo C2: Romania, Kosovo, Cipro, Lituania o Gibilterra

Gruppo C3: Lussemburgo, Bulgaria, Irlanda del Nord, Bielorussia

Gruppo C4: Armenia, Isole Faroe, Macedonia del Nord, Lettonia

LEGA D

Gruppo 1: Lituania o Gibilterra, San Marino, Liechtenstein

Gruppo 2: Moldova, Malta, Andorra

ALCUNE NOVITÀ – A partire dalla prossima Nations League vi saranno dei cambiamenti rispetto alle passate edizioni; infatti ci sarà l’aggiunta dei quarti di finale, con il passaggio del turno delle prime e delle seconde classificate. Le vincenti dei quarti accederanno alle Finals. Retrocederà in Lega B solo l’ultima in classifica del girone, mentre le terze classificate faranno un playout con una delle seconde della Lega B. Altra novità, sicuramente più importante, è l’incisione della Nations League per le qualificazioni ai Mondiali del 2026: le 4 finaliste saranno inserite in un girone con una squadra in meno. In caso di mancato passaggio, le 4, avranno diritto a dei posti per la qualificazione.

L’ITALIA – La Nazionale di Spalletti, grazie al nuovo format, avrà dunque più possibilità per qualificarsi a quel Mondiale, dal quale siamo assenti dal 2014. Prima però, bisognerà affrontare i vicecampioni del mondo e il Belgio di Lukaku e De Bruyne, con l’insidia Israele. Nonostante l’inserimento nella prima fascia della Nations League, resta un’Italia sfortunata.