Qatar 2022, la rosa del Galles

I gallesi all’assalto con Gareth Bale. L’attaccante all’ultimo ballo iridato vuole lasciare il segno. Una rosa esperta, decisa a dire la sua

Tempo di lettura: 2 Minuti
272
Wales flag or national emblem, isolated on white background.

Qatar 2022, la rosa del Galles. Nel girone di qualificazione, Gareth Bale e compagni sono arrivati al secondo posto dietro al Belgio e solo un punto avanti la Repubblica Ceca. Con una doppietta dell’ex Real Madrid battono l’Austria passando al secondo e ultimo turno dei playoff, poi rimandato per l’invasione russa. Al Millenium Stadium di Cardiff, la nazionale di Robert Page ha conquistato la qualificazione contro lUcraina. Un autogol di Yarmolenko e il Galles torna al Mondiale dopo 64 anni. Era dal 1958 che i britannici non prendevano parte alla competizione. Per intenderci, quando è nato il mito di Pelè con la doppietta in finale contro la Svezia. I tempi cambiano e ora il Galles si prepara alla nuova sfida. Non è passato così tanto tempo dal terzo posto agli Europei del 2016 che aveva lasciato tutti a bocca aperta.  

Qatar 2022, la rosa del Galles: Robert Page ct per caso !

Sarà Robert Page a guidare il Galles allo storico ritorno ai Mondiali. Lui che si è ritrovato per caso sulla panchina della nazionale. Gallese fino al midollo della contea di Rhondda Cynon Taf, nel novembre del 2020 è stato chiamato a sostituire Ryan Giggs, incriminato per atti di violenza domestica. L’ex Manchester United aveva conquistato la qualificazione agli Europei e stava lottando per la promozione nella Lega A della Nations League. Con pochi mesi di preparazione, Robert Page, già nello staff di Ryan Giggs, completa l’opera: promozione in NL e ottavi di finale agli Europei.

Risultati inaspettati guardando il c.v. dell’allenatore. Da giocatore era difensore centrale. Cresciuto nel vivaio del Watford, con loro conquista anche una promozione in Premier League. Da lì Sheffield United, Cardiff, Coventry e la vittoria di un campionato di Serie D inglese con il Chesterfield.

Inizia la carriera da allenatore non appena tolti gli scarpini con le giovanili del Port Vale. Con la squadra di Burlsem, fa tutta la scalata fino alla prima squadra. Poi il Northampton Town, vice al Nottingham Forest e l’arrivo nelle nazionali giovanili del Galles. Dal marzo del 2017 è l’allenatore contemporaneamente dell’Under 17, l’Under 19 e l’Under 21. Nel 2019 entra nello staff della nazionale maggiore con il suo ex compagno con il Galles, Ryan Giggs. E ora si ritrova a guidare la sua nazionale a un Mondiale. Dalla Serie C inglese alla Coppa del Mondo nel giro di 5 anni. La stranezza del calcio in una carriera.  

Qatar 2022, la rosa del Galles: elenco completo

Portieri: Wayne Hennessey (Nottingham Forest), Danny Ward (Leicester City), Adam Davies (Sheffield United);
Difensori: Chris Gunter (Wimbledon), Ben Davies (Tottenham), Connor Roberts (Burnley), Ethan Ampadu (Spezia), Chris Mepham (Bournemouth), Joe Rodon (Rennes), Neco Williams (Nottingham Forest), Tom Lockyer (Luton Town), Ben Cabango (Swansea City);
Centrocampisti: Aaron Ramsey (Nizza), Joe Allen (Swasea City), Harry Wilson (Fulham), Jonny Williams (Swindon Town), Joe Morrell (Portsmouth), Matthew Smith (Milton Keynes Dons), Dylan Levitt (Dundee United), Rubin Colwill (Cardiff City), Sorba Thomas (Huddersfield Town);
Attaccanti: Gareth Bale (Los Angeles FC), Daniel James (Fulham), Kieffer Moore (Bournemouth), Brennan Johnson (Nottingham Forest), Mark Harris (Cardiff City)

 

 

 

 

 



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam 6 + 4 =