Serie B, Catanzaro-Ternana 2-1: decide Vandeputte all’89’

Una rete su rigore del centrocampista belga consente alla squadra calabrese di far suo nel finale l’equilibrato posticipo del secondo turno.

Tempo di lettura: 3 Minuti
577
Calcio e Superleague

Il Catanzaro s’impone sulla Ternana per 2-1 nel posticipo della seconda giornata del campionato di Serie B andato in scena sul campo neutro dello stadio “Via del Mare” di Lecce davanti a “pochi intimi”. Decisivo, dopo che le “Fere” avevano risposto al 45’ con Raimondo all’iniziale vantaggio delle “Aquile” siglato al 10’ da Biasci, si rivela un calcio di rigore trasformato da Vandeputte all’89’. Il ritorno al successo nella serie cadetta che mancava dall’aprile del 2006 consente agli imbattuti giallorossi di entrare a far parte del gruppetto di squadre a quattro punti composto da Venezia, Cosenza, Südtirol e Bari impegnate nell’inseguimento al Parma, capolista a punteggio pieno. La Ternana, al terzo ko in altrettanti impegni stagionali, resta ferma al palo in compagnia di Lecco, Ascoli e Feralpisalò.

La cronaca del primo tempo

La gara entra subito nel vivo. La Ternana va vicina al bersaglio al 2’ con una battuta dal limite dell’area di Falletti. Pronta la risposta del Catanzaro: Biasci, al termine di una bella trama di gioco avviata da Situm e rifinita da Verna, chiama in causa Iannarilli con una debole deviazione di testa. La compagine calabrese rischia grosso al 9’ quando un appoggio errato con i piedi di Fulignati è sfruttato soltanto parzialmente da Falletti: il tentativo di pallonetto effettuato dal capitano rossoverde termina alto. La dura legge del gol non si smentisce. Il Catanzaro colpisce nell’azione successiva. Biasci si fa trovare per il tap-in vincente in occasione di un colpo di testa di Iemmello respinto da Iannarilli.

La Ternana reagisce. Al 21’ Raimondo, ben servito in profondità da Falletti, impegna Fulignati con un diagonale a mezz’altezza da sinistra. L’intraprendente giovane avanti della formazione umbra cerca, senza fortuna, la via della rete in girata anche al 33’. Il Catanzaro torna a farsi vedere in avanti al 35’ con un rasoterra impreciso di Iemmello. Al 45’ arriva il pareggio della Ternana: Raimondo spedisce in rete in scivolata con il mancino un preciso lancio dalla trequarti di Mantovani. Prima dell’intervallo l’undici diretto da Lucarelli si rende nuovamente pericoloso con una potente conclusione di sinistro di Pyythia alzata in angolo da Fulignati.

La cronaca del secondo tempo

Alla ripresa del gioco è ancora la Ternana a proporsi con una certa pericolosità in fase offensiva. Al 49’ Raimondo, imbeccato nuovamente in verticale da Falletti, conclude malamente a lato. Sul versante opposto Vandeputte, in contropiede, getta al vento una favorevole opportunità calciando alto un pallone invitante servito dalla destra da Ghion. Il Catanzaro si rende nuovamente pericoloso al 56’: cross di Situm dalla destra e colpo di testa sul fondo di Biasci. La compagine di Vivarini insiste. Al 71’ Stoppa, al termine di uno scambio con Veroli, si vede respingere il suo tentativo da distanza ravvicinata da Fulignati in uscita.

La gara si mantiene aperta a qualsiasi risultato. Fulignati al 77’ evita il vantaggio ospite opponendosi con bravura ad un colpo di testa del neoentrato Favilli sugli sviluppi di un traversone dalla sinistra di Falletti. Sul proseguimento dell’azione Pyythia non inquadra il bersaglio. Il match si decide nel finale. All’87’ il direttore di gara decreta un calcio di rigore per il Catanzaro per un contatto in area rossoverde tra Proietti e D’Andrea. Dal dischetto Vandeputte spiazza Iannarilli riportando definitivamente avanti le “Aquile”.

Serie B: il tabellino di Catanzaro-Ternana 2-1 (1-1 pt)

Catanzaro (4-4-2): Fulignati; Situm, Scognamillo, Brighenti, Veroli (34’ st Krajnc); Oliveri (14’ st Stoppa), Ghion, Verna (13’ st Pompetti), Vandeputte; Biasci (34’ st D’Andrea), Iemmello (13’ st Donnarumma). A disposizione: Sala, Krastev, Curcio, Brignola, Pontisso, Sounas, Ksteris. Allenatore: Vincenzo Vivarini. Ternana (3-5-2): Iannarilli; Mantovani, Sorensen, Celli; Diakité, Luperini (18’ st Marginean), Labojko (18’ st Proietti), Pyythia, Corrado (1’ st Favasuli); Falletti (37’ st Distefano), Raimondo (31’ st Favilli). A disposizione: Brazao, Capanni, Casasola, Capano, Paghera, Travaglini, Lucchesi. Allenatore: Cristiano Lucarelli. Squadra arbitrale: arbitro Niccolò Baroni di Firenze, assistenti Claudio Barone di Genova e Marco Ceolin di Treviso, quarto ufficiale: Antonio Di Reda di Bisceglie (BAT), VAR Luca Pairetto di Nichelino (TO) e AVAR Davide Di Marco di Ciampino (RM).

Reti: 10’ pt Biasci (C), 45’ pt Raimondo (T), 44’ st Vandeputte (C) su rigore. Ammoniti: Situm (C); Luperini e Sorensen (T). Calci d’angolo: 7-4 per la Ternana. Recupero: 4’ pt; 6’ st.