F1, come cambia la griglia?

F1, come cambia la griglia? L’arrivo di Hamilton ha fatto sì che il valzer sulla griglia 2025 comincia con un inverno d’anticipo.

Tempo di lettura: 4 Minuti
229

F1, come cambia la griglia?

 

F1, come cambia la griglia? L’arrivo di Hamilton in Ferrari ha fatto sì che il valzer sulla griglia 2025 comincia con un inverno d’anticipo.

 

 

Sainz, quale sarà il suo futuro in F1?

L’annuncio di Hamilton alla Ferrari per il 2025, ha inevitabilmente lasciato a piedi il pilota spagnolo, che si vedrà costretto a vivere una stagione da separato in casa con la Ferrari. Sainz non si è voluto esprimere sulla vicenda “parlerò del mio futuro al momento opportuno” ha annunciato sui social.

 

La scelta che risulta più logica, è il passaggio in Mercedes, andando ad affiancare George Russell. Lo spagnolo è un gran lavoratore e sviluppatore, molto apprezzato dai tecnici di tutte le squadra in cui ha lavorato. In più potrebbe anche accettare un contratto di un anno “più” con opzione a favore della Mercedes, e sarebbe una seconda guida di lusso.

 

Un’altra possibilità più che concreta, è Audi. La casa automobilistica austriaca, entrerà in Formula 1 a partire dal 2026, subentrando ad Alfa Romeo, quest’anno Stake. E non vuole farlo con un ruolo da comparsa, ma con l’ambizione di arrivare nelle posizioni alte della classifica, sfruttando anche la rivoluzione tecnica del 2026. Per questo l’arrivo di un pilota come Sainz sarebbe di grande aiuto. Non solo molto veloce, ma anche molto utile nello sviluppo e nell’aiutare gli ingegneri. Per questo non è da escludere un suo passaggio alla Stake, avendo un anno di transizione prima di essere pilota Audi, come prima guida.

 

 

Red Bull

Il sedile di seconda guida alla Red Bull, attualmente occupato da Perez, è molto ambito già da un paio di stagioni, con il messicano che non sta convincendo i piani alti della Red Bull.

 

Il preferito di Helmut Marko è Lando Norris, pilota giovane e di talento, che però è legato a McLaren fino al 2026. Ad ambire a quel posto c’è anche Daniel Ricciardo, che sogna un ritorno in Red Bull al fianco di Max, per concludere la carriera. Si è fatto notare anche Liam Lawson, che fa parte dell’ academy Red Bull dal 2019, andato a punti nelle poche gare nelle quali ha sostituito Ricciardo.

 

Secondo Windsor la Red Bull avrebbe già messo sul piatto di Alexander Albon un’offerta triennale a partire dal 2025 fino al 2027. Max Verstappen ha già diviso il box con Albon per metà stagione nel 2019 e per l’intero 2020 prima dell’arrivo di Sergio Perez. Il thailandese nel biennio 2022-2023 ha stupito al volante della Williams al punto da spingere Helmut Marko a presentare questa allettante offerta al suo ex pilota.

 

L’ultima alternativa sul piatto è Carlos Sainz, che ha già fatto parte del mondo Red Bull, perdendo il confronto con Verstappen ma senza sfigurare. Il rapporto con Marko non è dei migliori, di fatti lo spagnolo per ora è solo una suggestione e non una vera alternativa.

 

 

Chi sostituirà Hamilton?

Toto Wolff vorrebbe provare un colpo visto poche volte in F1. Un esordiente alla guida di un top team. La scelta ricadrebbe su Andrea Kimi Antonelli, classe 2006, che fa parte dell’ academy Mercedes. Dimostratosi un pilota di grandissimo livello nelle serie minori, quest’anno correrà la F2, saltando la F3, una scelta che potrebbe rivelarsi vincente anche per l’introduzione delle nuove vetture, che mitigheranno il suo gap di esperienza con gli altri rivali. Il suo curriculum sportivo è quello proprio di chi è destinato a fare grandi cose: in appena due anni, tra il 2022 e il 2023, Antonelli ha infatti vinto quattro campionati, imponendosi nella F4 italiana, in quella tedesca, nella Formula Regional europea e in quella del Middle East.

 

Tra gli altri nomi chiamati a sostituire il sette volte campione del mondo c’è Albon, autore di un grandissimo biennio alla Williams, team che è legato a Mercedes. La trattativa avrebbe sicuramente anche il benestare di George Russell, destinato a diventare la prima guida del team, complice il loro ottimo rapporto che dura da anni.

 

C’è anche Alonso tra i possibili candidati. Al momento non ci sono notizie dirette. Toto Wolff parla di “qualcosa di coraggioso” legato alle scelte future di Mercedes. Ma è davvero difficile ipotizzare. Tutti i rumors che sono venuti a galla sono grandi suggestioni. A cominciare da Fernando Alonso. Da un 40enne a un ultra 40enne il passo sarebbe breve. Lo spagnolo ha dato dimostrazione di integrità ma nel 2025 sarebbero 44 le primavere per lui. Lo spagnolo è in grado di garantire un’infinita esperienza e prestazioni di assoluto livello, proprio come Hamilton. Se lo spagnolo dovesse vedere una Aston Martin poco competitiva nel 2024, probabilmente una chiamata a Toto Wolff proverà a farla. Sappiamo infatti che Fernando sta da tempo inseguendo la fatidica 33esima vittoria e Mercedes potrebbe avere i mezzi giusti per permettere al due volte campione del mondo di essere competitivo.