Milan, il caso De Ketelaere

Il trequartista belga delude anche a Londra, oltre a non rendere anche in campionato. Solo problemi di ambientamento ?

Tempo di lettura: 2 Minuti
469
milan

Milan, il caso De Ketelaere. Altra prestazione negativa per l’investimento più costoso della sessione estiva di mercato milanista, sul campo del Chelsea. Dopo un’ora di gioco, il ragazzo è stato sostituito dallo spagnolo Diaz. Il quale ha dimostrato di avere più verve, più voglia e carattere. Non è la prima partita nella quale il belga è in palese difficoltà. Dopo oltre un mese di lavoro, certi meccanismi dovrebbero essere entrati nelle corde del trequartista. L’esordio casalingo contro il Bologna aveva illuso: bagliori, lampi che non hanno avuto un seguito. L’allenatore è al suo fianco, cerca di aiutarlo a inserirsi nei meccanismi e di farlo ambientare. Anche i compagni di squadra hanno stabilito un buon rapporto con l’ex Bruges. Ma ad oggi i responsi dal campo sono insufficienti.

Milan, il caso De Ketelaere. Solo un problema di posizione in campo e di condizione atletica ?

Adesso la squadra rossonera è attesa dal delicato confronto di sabato pomeriggio contro la Juventus e per Pioli non sarà facile risollevare il morale della truppa. In particolare quello di De Ketelaere, ragazzo intelligente e che che si rende conto di non stare rendendo secondo le aspettative. La condizione atletica, come evidenziato dai test fisici effettuati a Milanello non è ottimale. La preparazione estiva, spezzettata fra Bruges e Milan ha lasciato strascichi. La corsa è lenta, il cervello comanda e il corpo ancora non risponde. Questa è la prima causa delle difficoltà del numero 90 rossonero. La seconda sembra essere la posizione in campo: in Belgio veniva utilizzato da trequartista o da punta centrale. Il problema è che nel nostro campionato gli avversari non ti danno nemmeno il tempo di girarti, rispetto al campionato belga. De Ketelaere sembra avere caratteristiche da esterno offensivo: è il ruolo che gli ha assegnato il ct Roberto Martinez in nazionale.

Milan, il caso De Ketelaere. Metterlo a riposo o insistere ? Dibattito aperto

In vista della sfida contro la Juventus, snodo fondamentale nella corsa scudetto, sarà fondamentale riflettere bene sull’impiego o meno del giovane. Infatti quella di sabato sarà una partita moto fisica, dura, tatticamente rigida e ci sarà bisogno di gente pronta. Sicuramente il ragazzo va aspettato, come è stato fatto con i vari Leao, Bennacer, Kalulu e altri giovani protagonisti dell’ultimo scudetto. Ma in questo momento occorre correre, Pioli potrebbe provare a dare fiducia per esempio al francese Adli. Arrivato dal Bordeaux, nelle amichevoli estive ha messo in mostra qualità importanti e non si capisce l’ostracismo di Pioli nei suoi confronti. Se proprio non si fida, molto meglio un Diaz che ha dimostrato di essere almeno atleticamente pronto.

 

 



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam 4 + 4 =