Paralimpiadi 2020: la stella è ancora una volta Bebe Vio

La portabandiera azzurra pronta a dare tutto per portare in alto l’Italia e la scherma

287
Bebe Vio
Bebe Vio

Paralimpiadi 2020. Mancano solo poche ore all’inizio delle Paralimpiadi di Tokyo 2020. Bebe Vio sarà la portabandiera azzurra assieme a Federico Morlacchi.

Bebe Vio
Bebe Vio

E ai microfoni de La Gazzetta dello Sport ha manifestato tutta la sua gioia per questo ruolo: “È molto bello perché più persone hanno l’occasione di farlo e meglio è. Dobbiamo solo capire come posizionare le mani perché il mio polso non è molto abile. Ho già paura che mentre lui cercherà di sventolare il mio braccio partirà completamente e lui sventaglierà anche la mia mano. Speriamo solo di non cadere e di non perdere pezzi! Già a Rio, durante la cerimonia, ero a metà del gruppo con Emanuele Lambertini. Si tratta di un altro ragazzo della nostra associazione art4sport, e ho pianto talmente tanto che mi sono persa. Non vedevo più niente, finché mi sono ritrovata in fondo alla fila spinta da uno dei volontari”.

Paralimpiadi 2020: il coraggio, la passione vera oltre gli ostacoli

La schermitrice azzurra fa parte del progetto fly2tokyo, ideato per far conoscere al grande pubblico il percorso sportivo di 11 atleti dell’art4sport team. “Dico solo che i ragazzi di fly2tokyo spaccheranno. La velocista Ambra Sabatini è una bomba, Edoardo Giordan a Rio era venuto a vederci ma cavolo, questa Paralimpiade è la sua. L’ho visto crescere, l’ho visto perdere 40 chili per avere questo fisico. E poi, sempre nella scherma, Emanuele Lambertini. A Rio era arrivato per sbaglio, Tokyo deve essere sua”.

Bebe Vio: porteremo in alto l’Italia e la scherma

A Tokyo 2020 la scherma azzurra ha deluso e Bebe Vio vuole guidare il riscatto. “Ci proviamo! Però guardate che non ha deluso totalmente, qualche soddisfazione ce l’ha regalata. Sono fiera dei risultati che abbiamo portato a casa, sono molto triste per altre cose, perché so quello che succede dietro le quinte. Noi arriviamo lì con una squadra forse molto più compatta e molto più “famiglia” rispetto a loro. La nostra fortuna è quella. Avere dei ct che sentono tutto e ci sentono mille volte al giorno, avere lo staff che abbiamo noi. E poi il preparatore atletico che mi ha seguito in tutto questo anno che per me è stato veramente difficile, sostituendo per di più il mio ex preparatore che mi aveva abbandonata pochi mesi prima di quando doveva esserci la Paralimpiade l’anno scorso. Sono fortunata ad avere tutti loro, ad avere Loredana, Andrea e Rossana in squadra. Qualsiasi cosa succederà, so che sono lì con la mia seconda famiglia. E questo è un punto di forza molto più grande di tutto il resto”, ha chiosato l’azzurra.

La carriera di Bebe Vio e la sua storia 

Cosa ne pensate della piccola grande Bebe Vio ragazza coraggio? Diteci la vostra, commentate e condividete l’articolo

https://t.me/joinchat/SHcdBxdDZQadIvhwJlgbYA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui