Novak Djokovic lascia il Roland Garros per infortunio al ginocchio

Il ritiro prima del match con Casper Ruud ai quarti di finale

Cosa succede dopo il ritiro da Open di Francia, come è riuscito a finire il match con Cerundolo

Tempo di lettura: 2 Minuti
682
Novak Djokovic deve ritirarsi dal Roland Garros, come è accaduto l'infortunio al ginocchio

Quei cinque set per vincere con Francisco Cerundolo, hanno destato molti sopsetti sulla salute e sulla tenuta in gara di Novak Djokovic. In conferenza stampa il tennista serbo, numero 1 al mondo, ha ammesso di aver sofferto un dolore intenso al ginocchio destro. Casper Ruud, di nazionalità norvegese e settimo in ATP, quindi prende un passaggio diretto alle semifinali.

I problemi accusati da Novak Djokovic durante il match con Cerundolo

Novak ha rischiato di non riuscire a finire la partita che si è protratta fino al quinto set. Il tennista è scivolato una prima volta nel secondo set prendendo probabilmente una brutta distorsione, il ginocchio ha cominciato a fargli male in modo sempre più intenso. Durante il timeout, Djokovic è stato soccorso dal fisioterapista che ha tentato di decontrarre l’articolazione, ma è stato grazie al massimo dosaggio di antidolorifico che il tennista ha potuto finire la partita. “Non so se potrò scendere in campo e giocare” aveva dichiarato con sincerità Djokovoc a fine partita.

La prima sconfitta al Roland Garros in 15 anni per Novak Djokovoc

La situazione non era affato rosea per non dire disperata per Djokovoc. La difficoltà è diventata molto evidente quando ha iniziato a zoppicare e sussultare per rispondere ai colpi dell’avversario argentino Cerundolo. Ha però mostrato tutta la sua determinazione concludendo il match in 4 ore, molto lunghe, e 39 minuti chiudendo con il punteggio di 6-1, 5-7, 3-6, 7-5, 6-3.

Dopo la partita Djokovic credeva ancora di poter proseguire il torneo, di cui è re da 15 anni: “L’adrenalina che entra in azione ti aiuta ad affrontare il torneo”, ha detto. “A volte si tratta di una partita o due, a volte dell’intero torneo. La cosa buona dello Slam è che hai un giorno in mezzo che permetterà, si spera, che il processo di guarigione avvenga in modo efficace. Questo è tutto. Non so cosa succederà domani o dopodomani se potrò scendere in campo e giocare. Lo spero. Vediamo cosa succede.”

Martedì il suo team ha annunciato ufficialmente il ritiro di Novak Djokovic dall’Open di Francia.



Da qualche anno affianco la mia attività lavorativa con la scrittura sia di racconti, premiati in tre edizioni del Giallofestival di Bologna che di articoli per piattaforme digitali. Fortunatamente il lavoro part time, mi consente di dedicarmi anche a concorsi letterari vincendo riconoscimenti o segnalazioni anche per edizioni di poesia, come il concorso nazionale Argentario. Ho ricevuto di recente il premio al Salone del libro di Torino nell'ambito della IV edizione del Giallofestival di Bologna con titolo di primo classificato 'miglior personaggio non protagonista' e relativa pubblicazione del racconto nella raccolta 2022 Damster ed. Del Loggione. Per la piattaforma digitale Serendipity srl, società in cui Chiara Ferragni è comproprietaria, sono stata articolista descrivendo i viaggi e i video inviati dagli utenti del sito di affitti turistici. Sono una persona sportiva, con la mia mountain bike ho percorso tutte le strade del Chianti fiorentino. Sono convinta che la mobilità green sia l’unico futuro possibile per la salvaguardia dell’ambiente e per il benessere psicofisico. Avendo svolto studi in Scienze Agrarie durante il periodo di isolamento per la pandemia ho svolto una raccolta fotografica e classificazione di circa 200 specie di flora spontanea e di circa 70 specie micologiche dell'area del Chianti fiorentino.