Spezia-Inter 2-1, le parole di Inzaghi

Il tecnico nerazzurro ha analizzato la sconfitta dell’Inter nella 26esima giornata di Serie A

Tempo di lettura: 1 Minuti
1066

Ad aprire la 26esima di Serie A è stato un risultato sulla carta inaspettato: Spezia-Inter 2-1, giocata ieri sera alle 20:45 allo Stadio “Picco” di La Spezia. Una prestazione maiuscola dei dei ragazzi di Leonardo Semplici, (gol di M’Bala Nzola su rigore e rete della vittoria di Daniel Maldini) ha portato lo Spezia all’impresa. Di seguito le parole del tecnico dell’Inter, Simone Inzaghi, rilasciate ai microfoni di DAZN nel postpartita.

“Siamo molto delusi, sarà una nottata difficile ma martedì ci aspetta l’ottavo di finale contro il Porto. Questa sconfitta fa male ma è avvenuta in modo diverso rispetto alle altre. Abbiamo messo in campo tutto ma ci è mancata la cattiveria, inoltre non potevamo andare a riposo sullo 0-0 dopo quanto creato. Mi prendo la responsabilità della sconfitta, ma i ragazzi si sono impegnati tutti”.

Ha spiegato inoltre, la situazione dei rigoristi: “Per l’Inter i designati sono Romelu Lukaku e Lautaro Martinez ed erano entrambi in campo, quest’anno non era mai accaduto. Non mi soffermerei sul rigore ma sui 29 tiri in porta che ci sono stati in cui, come ho già detto, ci è mancata la freddezza. Non c’è una gerarchia per i penalty, decideremo di volta in volta”.

Sull’approccio avuto dalla squadra in Spezia-Inter, Simone Inzaghi ha detto: “Siamo arrivati con campo con convinzione, abbiamo preso due tiri in porta e due gol. C’è qualcosa da aggiustare, a differenza della partita di  Bologna, in cui c’era poco da salvare. Bisogna cambiare questo trend, dobbiamo reagire e rialzarci”.