Monza-Juve, Landucci: “Bisogna stare zitti e pedalare. Sconfitta meritata”

Landucci commenta la gara allo U-Power Stadium contro il Monza

Tempo di lettura: 2 Minuti
374
juve landucci

Marco Landucci, vice allenatore della Juve, è intervenuto in un’intervista esclusiva ai microfoni di DAZN per parlare del match contro il Monza, valevole per la settima giornata di Serie A, terminato allo U-Power Stadium con il risultato di 1-0.

La partita

Terzo incontro con una big per i biancorossi dopo Napoli e Roma. La squadra di mister Palladino, abile nel possesso palla, ha amministrato il primo tempo contro una Juve che non è riuscita a sfruttare le occasioni lasciando ampi spazi di inserimento. Tanti i tentativi da fuori area dei padroni di casa, pochi che hanno saputo impensierire Perin tra i pali. I bianconeri, dall’altra parte, hanno contenuto l’offensiva avversaria ma sono stati beffati dalla lucidità, venuta meno quando Di Maria al minuto 40 ha rimediato un cartellino rosso per una rissa.

Il secondo tempo, iniziato sulla falsariga del primo, si è dimostrato essere un vero e proprio thriller bianconero complice il gol siglato da Gytkjaer al 74′ che sblocca la partita e regala i primi tre punti stagionali al Monza. La panchina della Juve, già compromessa a seguito dei precedenti incontri, adesso è a serio rischio.

Le dichiarazioni di Landucci

“Bisogna fare meglio, ma l’espulsione ha condizionato la partita. Angel è stato tartassato ed ha reagito. Nel secondo tempo abbiamo avuto occasione di fare gol, ma parlare non serve. Rialzarsi dopo mercoledì era difficile. Bisogna stare zitti e pedalare. Si riparte solo con il lavoro, nessuno è contento. Sono momenti difficili, non siamo contenti noi, né i tifosi. C’è solo da migliorare con il lavoro. Dobbiamo fare e poi non riusciamo: l’unico metodo è il lavoro. Dobbiamo remare tutti dalla stessa parte”.

“Il gruppo è sempre stato sano, nessuno ha problemi reciprocamente. Quando mancano giocatori si sente, ma queste sono scusanti. Dobbiamo fare solo meglio e mettere su la testa per fare meglio. Fatti, non parole. I problemi si risolvono ma dobbiamo lavorare tanto. Le partite vanno avanti. Oggi è tutto nero, bisogna ritrovare l’azzurro”.

“Lavorare durante la sosta è dura perché vanno quasi tutti in nazionale. Così non si può giocare subito. Siamo tutti nella stessa barca, sia squadra, sia staff”.

LEGGI ANCHE

GP D’Aragona, i precedenti: Marquez in cerca di riscatto

Serie A: Nel derby ligure lo Spezia batte la Sampdoria per 2 a 1, ma i blucerchiati meritavano almeno il pareggio

Milan, accordo per un attaccante a gennaio?

SEGUICI SU FACEBOOK|TWITTER



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam + 42 = 51