Profughe ucraine picchiano padrone di casa che le ospita

Un inaudito caso di violenza che ha reso protagoniste delle profughe ucraine che hanno picchiato il padrone di casa che le ospitava

22170
Profughe ucraine picchiano padrone di casa che le ospita
Tempo di lettura: 2 Minuti

Profughe ucraine picchiano il padrone di casa che le ospitava. Uno spiacevole episodio registratosi presso un’abitazione locata tra San Zeno e San Giuseppe (in provincia di Vicenza) che ha dell’incredibile.

Nonostante l’ospitalità di una connazionale e del marito di quest’ultima, due donne in preda, molto probabilmente, ai fumi dell’alcool o emotivamente instabili, hanno dato vita a un’accesa discussione divenuta, poi, un’aggressione. Quasi sicuramente, ciò sarebbe avvenuto in seguito alla notizia del ferimento di uno dei loro mariti.

Profughe ucraine picchiano il padrone di casa che le ospitava, la vicenda

Un tristissimo episodio che poteva finire male. Parliamo di quanto accaduto in provincia di Vicenza, presso un’abitazione che ospitava due profughe ucraine che hanno picchiato il padrone di casa.

Una reazione del tutto inaudita, sia per quanto concerne la drammatica situazione in corso e sia per il gesto ospitale dei padroni di casa nei confronti delle profughe ucraine, il quale non ha avuto riconoscimento alcuno dopo quanto perpetrato ai danni dei proprietari.

E, dunque, un’accesa discussione trasformatasi in un’aggressione nei confronti dei coniugi bloccata, per buona sorte, grazie all’intervento delle forze dell’ordine. Queste ultime, dopo aver messo fine alla vicenda, hanno trasferito le due donne con i due minorenni (figli di una delle due) presso una struttura protetta del comprensorio. Ora sono in attesa di una sistemazione definitiva.

Proprio come evidenzia “il giornale di Vicenza”, sia il primo cittadino che l’assessore al sociale, sono stati avvertiti dell’accaduto. D’altro canto, il padrone di casa ha, invece, cercato di smorzare i toni in merito a quanto dianzi menzionato. Nonostante i graffi sul volto rappresentino una prova tangibile di quanto avvenuto.

Nonostante tutto, l’episodio non avrà rilevanza in ambito giudiziario e il tutto si concluderà con una nuova sistemazione per le profughe, perciò non verrà presentata denuncia.

Infine, dopo tale notizia, in molti hanno voluto precisare il fatto che si sia trattato di un caso isolato. Inoltre, hanno evidenziato che gli ucraini presenti nel bassanese sono rispettosi delle normative (sanitarie comprese).



1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

+ 57 = 62