Paolo Rossi: sorpresa a Prato

Cerimonia per l’ex campione del mondo morto lo scorso 10 dicembre

633
paolo rossi è morto- moglie federica cappelletti

Paolo Rossi è venuto a mancare dopo una lunga malattia lo scorso 10 dicembre. Ieri pomeriggio nella sua città natale, c’è stata una cerimonia presso il Duomo. Le ceneri dell’ex campione del mondo sono state portate all’interno della principale chiesa cittadina dalla moglie e dai tre figli. Federica Cappelletti le ha consegnate al vescovo cittadino, all’interno di un urna con la forma della Coppa del Mondo. La chiesa era colma di tifosi e persone che sono rimaste legate affettivamente all’ex bomber di Juve, Vicenza, Perugia, Milan ecc.. . Presenti anche alcuni personaggi famosi, come ad esempio Giancarlo Antognoni e Giovanni Galli, compagni di squadra che nel 1982 vinse in maniera inaspettata la Coppa del Mondo.

Paolo Rossi, lo stupore dei familiari

Il fratello Rossano intervistato ha rilasciato alcune dichiarazioni, affermando il proprio stupore. “Non mi aspettavo tutto questo affetto da parte della gente. Mi fa molto piacere vedere che il ricordo di Paolo, susciti tutto questo affetto”. Parole che in parte descrivono quello che è stato Pablito, un campione, dentro e fuori dal rettangolo verde.  Un uomo che ha lasciato un ricordo indelebile in tutto lo stivale.

Di cosa è morto il campione toscano?

Paolo Rossi ha lottato per più di un anno con un terribile tumore ai polmoni. La malattia gli è stata diagnosticata nel 2019, dopo il rientro da una vacanza alle Maldive. Un periodo nel quale, insieme alla moglie, aveva deciso di risposarsi. L’eroe e bomber del mondiale del 1982, aveva deciso di allontanarsi dai riflettori negli ultimi mesi, per cercare un po’di relax. In un primo tempo la situazione sembrava sotto controllo. Poi purtroppo la malattia è degenerata in maniera rapida e aggressiva, portando con sé grandi e irrisolvibili complicazioni. Nelle ultime ore Pablito era entrato in coma è successivamente è venuto a mancare. Una notizia che ha scosso e commosso tutta la penisola, fino all’ultimo atto avvenuto a Prato in queste ore.

 

 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui