Copa Libertadores 2023: il Boca Juniors raggiunge in finale il Fluminense

Gli Xeneizes, come era accaduto nei precedenti turni a eliminazione diretta, si qualificano ai calci di rigore: Romero è decisivo con le sue parate.

Tempo di lettura: 3 Minuti
511
I 5 giocatori italiani più conosciuti

Saranno gli argentini del Boca Juniors a contendere ai brasiliani del Fluminense la conquista della Copa Libertadores 2023 nell’atto conclusivo in programma sabato 4 novembre allo stadio Maracaná di Rio de Janeiro. La compagine di Buenos Aires si assicura la qualificazione eliminando in semifinale il Palmeiras. La formazione diretta da Jorge Almirón, dopo aver chiuso a reti inviolate il match d’andata giocato in casa alla Bombonera, riesce a prevalere ai rigori per 5-3 in quello di ritorno disputato in Brasile all’Allianz Parque di San Paolo.

Una soluzione, quella dei tiri dal dischetto, nella quale il Boca Juniors si è rivelato sinora letale in questa 64esima edizione della massima competizione calcistica per club del Sudamerica. Gli Xeneizes, infatti, sono approdati per la dodicesima volta nella loro storia all’atto conclusivo della Copa Libertadores chiudendo in parità gli otto confronti disputati nella fase a eliminazione diretta. Un eventuale successo contro il mai trionfante Fluminense consentirebbe all’Azul y Oro di diventare con 7 titoli la squadra più vincente del continente in coabitazione con l’Independiente.

La cronaca

La gara non riserva particolari emozioni sino al 22’ quando il Boca Juniors si porta in vantaggio con Edinson Cavani a segno in scivolata da pochi passi sugli sviluppi di un traversone proposto quasi dal fondo da Miguel Merentiel sfuggito sul versante di sinistra al controllo di Gustavo Gómez. La reazione del Palmeiras non si traduce in nitide occasioni sino al 59’ quando Sergio Romero, nel breve volgere di pochi secondi, si oppone con bravura a un tentativo in diagonale di Mayke da distanza ravvicinata e ad un fendente mancino di Zé Rafael da fuori area.

Al 66’ il Boca Juniors si ritrova in inferiorità numerica per l’espulsione di Marcos Rojo per somma di ammonizioni. I padroni di casa ne approfittano per accentuare la pressione. Sergio Romero, dopo essersi prodotto al 72’ in un ottimo intervento su un colpo di testa sottomisura di Rony, si fa sorprendere sessanta secondi più tardi da una conclusione di sinistro dalla distanza di Joaquin Piquerez leggermente deviata da Equi Fernández. L’ex portiere della Sampdoria torna protagonista in positivo al 91’ respingendo d’istinto un bel tentativo in acrobazia effettuato a centro area da Rony in occasione di un cross dalla destra di Luis Guilherme.

L’ultima opportunità (93’) prima dei rigori è per il Boca Juniors in contropiede: Edinson Cavani, liberato sul versante di sinistra dell’area da un tocco di Pol Fernández, scivola al momento della battuta favorendo la presa di Weverton. L’ex attaccante di Palermo e Napoli si fa parare il primo tiro dagli undici metri della serie, ma l’errore non avrà conseguenze negative per i suoi colori. Sergio Romero, infatti, salirà ancora una volta agli onori della cronaca respingendo i tentativi di Raphael Veiga e Gustavo Gómez.

Copa Libertadores 2023, Palmeiras-Boca Juniors 3-5 dcr: il tabellino

Palmeiras (4-3-3): Weverton; Marcos Rocha (1’ st Kevin), Gustavo Gómez, Murilo, Joaquin Piquerez; Zé Rafael (33’ st Fabinho), Gabriel Menino (23’ st Flaco López), Raphael Veiga; Mayke (33’ st Luis Guilherme), Artur (1’ st Endrick), Rony. Allenatore: Abel Ferreira. Boca Juniors (4-4-2): Romero; Advíncula, Figal, Rojo, Fabra (37’ st Saracchi); Pol Fernández, Medina, Equi Fernández, Barco (23’ st Valentini); Merentiel (11’ st Valdez Rojas), Cavani. Allenatore: Jorge Almirón. Arbitro: Andres Matonte (Uru).

Reti: 23’ pt Cavani (B), 28’ st Joaquin Piquerez (P). Sequenza rigori: Cavani (B) parato, Raphael Veiga (P) parato, Valdez Rojas (B) gol, Gustavo Gómez (P) parato, Valentini (B) gol, Kevin (P) gol, Figal (B) gol, Piquerez (P) gol, Pol Fernández (B) gol. Ammoniti: Rony, Gustavo Gómez, Raphael Veiga e Luis Guilherme P); Pol Fernández, Equi Fernández, Figal e Romero (B).