Napoli, “motore” Anguissa

Il centrocampista impegnato ai campionati del mondo con la maglia del Camerun ha rinnovato il contratto prima di partire. Un giocatore ormai insostituibile

Tempo di lettura: 2 Minuti
101
Anguissa-Napoli - Fonte foto - Sito gianlucadimarzio.com

Napoli, “motore” Anguissa. Arrivato a Napoli il 31/08/2021 in prestito con diritto di riscatto fissato a 15 milioni di euro dal Fulham. Dopo aver concluso la prima stagione in maglia azzurra con 30 presenze totali, il 26/05/2022 il presidente Aurelio De Laurentiis ne annuncia il riscatto con validità dal 01/07/2022. Le grandi prestazioni del centrocampista permettono a Luciano Spalletti di edificare la mediana intorno a lui. Spingendo per il rinnovo contrattuale, puntualmente arrivato in data 11/11/2022. Il giocatore si è legato al sodalizio partenopeo con un contratto fino al 30/07/2027. A conferma di un legame molto forte con la squadra, la società, i tifosi e la città. Il Napoli schiera un centrocampo con pochi eguali: Andrè Zambo Anguissa, Stanislav Lobotka e Piotr Zielinski.

Napoli, “motore” Anguissa: caratteristiche uniche nel panorama dei mediani

Il calciatore è nato a Yaoundé (Camerun) il 16/11/1995, è alto 1.84 cm per circa 80 kg di peso. Gioca principalmente davanti alla difesa, trovando la sua perfetta collocazione nel 4-2-3-1 accanto ad un regista. Abile nel recuperare palloni e dotato di una grande corsa e una buona tecnica individuale, in carriera ha ricoperto anche il ruolo di mezzala e quello di trequartista alle spalle degli attaccanti. In carriera ha indossato le maglie di Olympique Marsiglia, Fulham e Villarreal. Dal marzo 2017 fa parte della nazionale camerunese, di cui è uno dei leader. Il centrocampista fu cercato anche da Juventus e Inter, prima di accasarsi al Napoli. 

Napoli, “motore” Anguissa: la famiglia e il rapporto con i compagni di squadra

Una delle prime cose che hanno colpito di Anguissa sono i tatuaggi, sparsi per il corpo. Anche il look, tendente ad un’eleganza sportiva ne fa un personaggio apprezzato. Il calciatore vive a Posillipo, con la moglie e i due figli. È una persona molto tranquilla, esce poco, anzi pochissimo. Quasi impossibile vederlo in strada o al ristorante. Preferisce la quiete della casa, circondato dalla sua famiglia che sta imparando a conoscere Napoli e la lingua italiana. Parlano già inglese, francese e un pizzico di spagnolo, cosa che aiuta e non poco all’interno di uno spogliatoio che lo ha eletto a leader riconosciuto in breve tempo. La fede musulmana lo ha legato in modo particolare all’ex Kalidou Koulibaly.

 

 

 



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam 55 + = 63