Pericolo verdura e allerta alimentare, non azzardare a mangiarli

Pericolo verdura e allerta alimentare, scatta l’allarme per l’ennesima volta, non azzardare a mangiare questi alimenti

Tempo di lettura: 2 Minuti
6972
Pericolo verdura e allerta alimentare, non azzardare a mangiarli

Pericolo verdura e allerta alimentare, non azzardare a mangiarli. Al centro di questa nuova allerta alimentare, dopo wurstel, tramezzini, latticini, frutta, verdura e dolci, pare che sia necessario annoverare un altro tipo di verdura e un prodotto molto noto. Nel corso di questo approfondimento, vi sveleremo quanto accaduto e vi forniremo tutti i dettagli in merito ai prodotti “incriminati” e che possono danneggiare la nostra salute.

Pericolo verdura e allerta alimentare, gli alimenti da non mangiare assolutamente

Dopo i wurstel, i tramezzini e latticini a far scattare l’allerta alimentare a causa di nuovi prodotti infetti ci ha pensato un lotto di pancake al cioccolato di un noto marchio francese. Nello specifico, parliamo del marchio francese Bernard Jarnoux Crepter la cui azienda, con sede legale a Lamballe, Francia, ha disposto il richiamo del prodotto in questione, proprio qualche giorno fa.

Il lotto incriminato è 256 del prodotto in questione, venduto in confezioni da sei pezzi (150 grammi) con scadenza 11/10/2022. Secondo quanto riportato in una nota del Ministero della Salute, il ritiro è stato obbligato da rischio microbiologico. Pertanto, i consumatori sono stati raccomandati “di non consumare il prodotto e riportarlo al punto vendita per rimborso o sostituzione”. L’annuncio è stato pubblicato sul sito del Ministero della salute in data 10 ottobre.

Il nuovo richiamo alimentare rende protagonista anche una nota verdura imbustata venduta nei supermercati, sono gli “Spinaci Il Gigante”.

Il nome o ragione sociale dell’OSA a nome del quale il prodotto è commercializzato è: Rialto SPA. Il nome del produttore è: Spinerb di Colleoni Andrea & C. Snc. La sede dello stabilimento si trova in via Alcide De Gasperi, Gorlago (BG), 24060.

I lotti di produzione ritirati sono: 273 con data di scadenza 7/10/22 con formato di 500 grammi.

Consigli utili

Tra i cibi più a rischio i formaggi molli, il latte crudo, i paté, i salumi e gli insaccati poco stagionati, il pesce affumicato, la frutta e la verdura. In più, si chiede di fare attenzione ai cibi poco cotti.

Come evitare il contagio:

  • Lavare con attenzione frutta e verdura prima di consumarle
  • Lavare accuratamente le mani e gli utensili da cucina dopo aver maneggiato alimenti crudi
  • Prestare attenzione alla cottura dei cibi
  • Consumare in tempi brevi gli alimenti deperibili
  • Tenere separate le carni crude dalle verdure e dai cibi cotti e pronti al consumo
  • Consumare solo prodotti lattiero – caseari pastorizzati

 

Fonte: solofinanza.it e latuadietapersonalizzata.it



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam 7 + 1 =