Allarme tsunami radioattivo, pericolo vicino?

Allarme tsunami radioattivo, le ultime vicende non promettono niente di buono tanto da far pensare che il pericolo sia molto vicino

Tempo di lettura: 1 Minuti
3541
Allarme tsunami radioattivo, pericolo vicino?

Allarme tsunami radioattivo, pericolo vicino? Cresce la tensione e la paura in maniera esponenziale per un possibile attacco nucleare che porterebbe alla creazione di uno tsunami radioattivo, nel vero senso della parola. Una situazione che potrebbe degenerare in poco tempo e che potrebbe derivare da alcune decisioni e scelte (errate) prese senza meditare sul da farsi. Basti pensare che Putin, recentemente, aveva avanzato una proposta di pace…come proseguirà? Zelensky ne terrà conto o andrà avanti per la sua strada con l’appoggio dell’Occidente?

Belgorod, il mostro che spaventa

Un’informativa dell’intelligence della Nato e resa nota da Repubblica, confermerebbe le paure del blocco occidentale.

Nel documento si parlerebbe dei movimenti del sottomarino Belgorod, l’unico mezzo della flotta russa in grado di lanciare testate nucleari. Lungo 184 metri e largo 15, può navigare a circa 60 chilometri orari e con un’autonomia stimata di circa 4 mesi senza la necessità di tornare in superficie.

Allarme tsunami radioattivo: Bomba atomica all’orizzonte? Cresce la paura

Il Poseidon è un siluro di 24 metri dotato di una testata nucleare da due megatoni in grado di viaggiare sotto le onde per oltre 10 mila chilometri ed esplodere in prossimità della costa provocando uno “tsunami radioattivo“. In poche parole: un’onda in grado di cancellare intere metropoli e contaminare per decine di anni il suolo e l’acqua.

Una paura che sta crescendo in maniera esponenziale, sebbene ci sia dello scetticismo generale. Eppure, la situazione non sembra che stia andando per il verso giusto, soprattutto viste le ultime vicende susseguitesi sul territorio ucraino e la richiesta di Zelensky do voler far entrare l’Ucraina nella Nato. Una richiesta che potrebbe infastidire non poco Putin che avrebbe, invece, dettato le condizioni per porre fine a tutto questo.

Voi cosa ne pensate?

 

Fonte: virgilio



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam 8 + 2 =