“Nainggolan non si tocca!”. Vediamo insieme tutte le trattative dei rosooblu

Il direttore sportivo Capozucca è impegnato du più fronti, ma ha delle priorità

Tempo di lettura: 2 Minuti
2354
Nainggolan Cagliari

“Nainggolan non si tocca”. Queste sono le parole dette dal direttore del Cagliari Calcio Stefano Capozucca. Uomo esperto di calcio e soprattutto di calciomercato. Tanti gli affari conclusi dal DS, ed i successi ottenuti di conseguenza. Stavolta a Cagliari dovrà cercare di portare a termine una missione particolare.  Il presidente Tommaso Giulini, gli ha chiesto di sforbiciare il monte ingaggi, cercando di mantenere il livello della squadra invariato. Non esattamente cosi semplice. Nonostante ciò sta lavorando in questa direzione. Il primo obiettivo quindi pare sia quello di trattenere a Cagliari Radja. Lui si sta allenando da solo, per cercare di farsi trovare pronto all’esordio in campionato. Vuole farsi trovare tirato a lucido, per fare un grande campionato con il Cagliari.

Nainggolan non si tocca, questa è la volontà di tutti

Il ragazzo ha sempre espresso la sua volontà. Vuole restare a Cagliari, questa è casa sua. Ha famiglia, amici ed un popolo che lo fa sentire importante. Resterà in Sardegna, c’è solo da capire con quale formula lo farà. Capozucca oltre ad aver chiarito questo punto programmatico del mercato, ha precisato quelle che sono altre situazioni critiche. “Abbiamo chiesto al procuratore di Godin, che dovrà ridursi l’ingaggio, o cercare una nuova destinazione”.

Gli affari rossoblu, ecco la situazione

Come sono poi altri nodi da sciogliere. “In questi giorni è previsto un incontro con l’entourage di Ceppitelli. Bisogna trovare un’intesa, ma secondo me ci sono buoni presupposti perché ciò avvenga”. Circa Nandez e Cragno, il direttore ha precisato che vi sono stati sondaggi, da parte di alcuni club, ma ancora nulla di realmente concreto. La Sampdoria ha invece chiesto Giovanni Simeone, per il quale ha proposto uno scambio, inserendo due giocatori come contropartita tecnica. Deiola dovrebbe rinnovare, anche se c’è ancora distanza tra domanda ed offerta, circa l’importo del suo ingaggio. Joao Pedro, infine, potrebbe rinnovare fino al 2025.