Lotteria scontrini app, per il premio serve la PEC: ecco quando la prima estrazione

La comunicazione della vincita avverrà tramite PEC. Partenza rinviata, ecco quando la prima estrazione

1698
lotteria degli scontrini app

Lotteria scontrini app. Dopo la partenza del cashback c’era attesa anche per il via della lotteria degli scontrini, ma purtroppo la partenza è stata ancora rinviata dopo una serie di altri rinvii, all’1° febbraio per dare modo agli esercenti di adeguarsi con i registratori di cassa. Entro e non oltre tale data l’avvio sarà definito da un provvedimento dell’Agenzia delle dogane e monopoli.

Lotteria scontrini app: come richiedere il codice personale

Ma già da oggi gli utenti possono però iniziare ad iscriversi sul sito dedicato messo a punto dal governo per generare il proprio codice personale alfanumerico a barre, che può essere stampato o memorizzato sullo smartphone. Possono partecipare alla lotteria i cittadini maggiorenni e residenti in Italia.

I consumatori dovranno mostrarlo all’esercente all’atto d’acquisto (minimo un euro di spesa). Dal canto suo, il venditore dovrà registrare tale codice prima di emettere lo scontrino elettronico.

Ogni acquisto effettuato genera un numero di biglietti “virtuali” che consentono la partecipazione alla lotteria: per ogni euro speso viene emesso un biglietto virtuale, fino ad un massimo di 1.000 euro.

Ecco quando la prima estrazione

In palio un premio annuale da 5 milioni di euro, dieci al mese da 100mila euro e quindici a settimana da 25mila euro. Lo scontrino sarà vincente anche per chi vende, benché con cifre ridotte a un milione, 20mila e 5mila euro nelle tre periodicità. La prima estrazione avverrà giovedì 11 febbraio.

La verifica dei biglietti vincenti si potrà effettuare direttamente dal portale. In ogni caso l’Agenzia delle dogane e dei monopoli comunicherà al consumatore l’eventuale vincita, ma questo avverrà tramite PEC. Vincita che potrà essere richiesta al massimo entro 90 giorni dalla ricezione della comunicazione di vincita.

Le vincite esenti da imposte, verranno pagate dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli con bonifico bancario o, per i soggetti che non detengono conto bancario, con assegno circolare non trasferibile.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui