Suarez esame italiano truccato? Scattano le indagini della procura

Da alcune intercettazioni telefoniche sono emersi dubbi sulla regolarità dell’esame sostenuto dal bomber del Barcellona

79

Suarez esame italiano irregolare? Questo è ciò che emerge dalle indagini della procura di Perugia. Il bomber del Barcellona, giovedì pomeriggio ha sostenuto l’esame di italiano, che secondo il resoconto di alcune intercettazioni telefoniche, sarebbe stato truccato. Ciò sarebbe avvenuto per favorire l’ottenimento del passaporto italiano, utile per poter giocare nel nostro campionato. Sul bomber uruguaiano era forte l’interesse della Juventus. I bianconeri però lo avevano fatto decadere, viste le lungaggini burocratiche esistenti per ottenere il passaporto. Ciò è testimoniato anche dall’arrivo a Torino di Alvaro Morata, che di fatto va a prendere il posto di Luis Suarez. Il bomber del Barcellona, pare invece essere ad un passo dal passaggio all’Atletico Madrid. Tornando alla vicenda, vediamo di comprendere cosa stia realmente accadendo.

Suarez esame italiano truccato?

La procura ha quindi aperto un fascicolo, per far luce su un caso sospetto. Dai giornali sono state poi pubblicate alcune intercettazioni telefoniche che proverebbero la tesi avanzata dalla procura umbra. Un vero caos, che a breve dovrebbe essere risolto.

La Guardia di Finanza avrebbe infatti accertato delle irregolarità nella prova di conoscenza della lingua italiana. Suarez ha sostenuto la prova a Perugia lo scorso 17 settembre. Secondo i giornali, avrebbe conosciuto in anticipo le domande a cui è stato sottoposto. Avrebbe sostenuto un esame molto più semplice di quello ordinario. Addirittura si parla di un punteggio (preconfezionato) attribuito prima della prova. La procura di Perugia e la Guardia di Finanza stanno acquisendo documenti presso l’università dove il Pistolero ha sostenuto l’esame.

Le agenzie di stampa riferiscono, tramite fonti giudiziarie, che sono stati notificati diversi avvisi di garanzia per diversi reati. Tra essi: rivelazione di segreti d’ufficio, falso ideologico commesso da pubblico ufficiale in atti pubblici e altri ancora. Le persone sotto indagine sarebbero: la rettrice dell’Università per gli Stranieri di Perugia, Giuliana Grego Bolli, e il direttore generale dell’università, Simone Olivieri. Staremo a vedere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui