Louie Hinchliff, il primo europeo a vincere il campionato NCAA in USA nei 100m

Il britannico velocista corre in 9,95 secondi in Oregon, la telefonata con Carl Lewis

L'atleta ha consultato per telefono Carl Lewis che lo ha sostenuto

Tempo di lettura: 2 Minuti
324

Non era mai accaduto che un europeo vincesse la gara NCAA, National Collegiate Athletic Association, ma quello che appare straordinario è che Louie Hinchliff lo ha fatto sotto i dieci secondi! Il tempo da record lo eleva ad essere il sesto velocista britannico in assoluto. L’atleta ha iniziato ad allenarsi a Lancaster, dove studiava management ed informatica compiendo sacrifici per raggiungere, con interminabili viaggi in autobus, le piste per correre. “Salivo su un autobus due volte a settimana, a 30 minuti di distanza, per allenarmi. Non avevo alcun sostegno, ero solo uno studente normale.”

La borsa di studio che ha portato Louie Hinchliff negli States

Nel 2022, Louie Hinchliff ha vinto i campionati inglesi. Questo importante riconoscimento gli ha permesso di avere una borsa di studio sportiva presso l’Università di Washington. Con allenamenti regolari e meglio organizzati, sono arrivati i risultati. Ma non è solo in pista che Hinchliff ha corso.

La telefonata con Carl Lewis

Lo scorso agosto, dopo alcune ricerche, Louie ha trovato il numero di telefono del mito americano nei 100m. Carl Lewis, oro olimpico nel 1984 e nel 1988, è riuscito ad orientarlo per raggiungere la piccola differenza che mancava. Essere il primo europeo a vincere la gara dei 100m negli USA.

“Ho avuto un paio di problemi al tendine e alla schiena”, ha detto Hinchliff,”e non avevo molta guida. E’ stata una telefonata tipo: Parliamo!. Abbiamo avuto una lunga telefonata e lui ha visto molto potenziale in me“.

Carl Lewis è allenatore presso l’Università di Houston dove anche Louie Hinchliff  trasferirà i suoi studi. “E’ sempre stato lì. Si tratta di trovare il posto giusto per farlo, le condizioni giuste e lo stadio giusto.”

Carl Lewis, 60 anni, è allenatore all'Università di Houston
Carl Lewis, 60 anni, è allenatore all’Università di Houston

L’ultima prova prima delle Olimpiadi sono i campionati britannici a fine mese.  “Devo dimenticarmene, perché il compito principale è arrivare alle Olimpiadi.” Lewis che supponiamo lo allenerà, conferma la buona condizione dell’atleta. “Sarà un grande, sarà alle Olimpiadi quest’anno, so che farà parte della squadra.”



Da qualche anno affianco la mia attività lavorativa con la scrittura sia di racconti, premiati in tre edizioni del Giallofestival di Bologna che di articoli per piattaforme digitali. Fortunatamente il lavoro part time, mi consente di dedicarmi anche a concorsi letterari vincendo riconoscimenti o segnalazioni anche per edizioni di poesia, come il concorso nazionale Argentario. Ho ricevuto di recente il premio al Salone del libro di Torino nell'ambito della IV edizione del Giallofestival di Bologna con titolo di primo classificato 'miglior personaggio non protagonista' e relativa pubblicazione del racconto nella raccolta 2022 Damster ed. Del Loggione. Per la piattaforma digitale Serendipity srl, società in cui Chiara Ferragni è comproprietaria, sono stata articolista descrivendo i viaggi e i video inviati dagli utenti del sito di affitti turistici. Sono una persona sportiva, con la mia mountain bike ho percorso tutte le strade del Chianti fiorentino. Sono convinta che la mobilità green sia l’unico futuro possibile per la salvaguardia dell’ambiente e per il benessere psicofisico. Avendo svolto studi in Scienze Agrarie durante il periodo di isolamento per la pandemia ho svolto una raccolta fotografica e classificazione di circa 200 specie di flora spontanea e di circa 70 specie micologiche dell'area del Chianti fiorentino.