Milan, adesso è vero Jovic: l’attaccante può aspettare

Milan, Luka Jovic è arrivato a quota cinque gol nell’ultimo mese

Milan, Luka Jovic è arrivato a quota cinque gol nell'ultimo mese

Tempo di lettura: 1 Minuti
369
Milan

Il Milan avanza in Coppa Italia e conquista i quarti di finale. Nonostante la complicità del portiere del Cagliari, Radunovic, il serbo è andato per l’ennesima volta in gol nell’ultimo mese. Non solo, per Jovic è arrivata addirittura una doppietta, completata dal primavera Chaka Traore e da Rafael Leao. Sono saliti a cinque, così, i centri dell’ex punta dell’Eintracht Francoforte negli ultimi trenta giorni, suddivisi tra dicembre e gennaio. Decisamente un balzo in avanti, soprattutto per un Milan appeso alla longevità di un Giroud solido ma non indistruttibile.

Milan, con Jovic hai trovato il vice Giroud

A gioire più di altri è, senza ombra di dubbio, Stefano Pioli. Complice un concetto societario incentrato sulla sostenibilità, il tecnico parmigiano ha vissuto la sua esperienza rossonera con la coperta corta. Anche l’arrivo dell’ex bomber del Montpellier non è bastato, mancando sempre un valido scudiero su cui poggiarsi nei (rari) weekend in cui il francese non c’era. Pellegri, Rebic, Origi e l’adattato di turno non hanno mai diradato le nubi sopra l’area di rigore rossonera, bagnando sempre le polveri nel momento in cui dare continuità. L’arrivo di Luka Jovic ha invertito questa maledizione?

Milan, la responsabilità di un attaccante in cerca di autore

Come tutte le maledizioni, anche Luka Jovic sarà chiamato a spezzarne una. Così come quella della maglia del numero 9 ha disarmato il centravanti del Milan di turno negli anni più bui tra l’epopea Berlusconi e il triste Yonghong Li. Una rivincita che sarebbe anche personale, considerato che, una volta lasciato l’Eintracht Francoforte, Luka Jovic ha perso se stesso e la vena realizzativa. Un istinto che sembra aver ritrovato in questo primo periodo rossonero, al netto del rodaggio iniziale. La continuità gli sarà amica? A Milanello si augurano di si, per ragioni di campo e anche di mercato.