#RieccoilChievo, risorge col suo ex capitano, nonché anima: Sergio Pellissier

Depositata la nuova denominazione sociale: A.C. ChievoVerona

Tempo di lettura: 2 Minuti
213

#RieccoilChievo, risorge col suo ex capitano, nonché anima: Sergio Pellissier. L’ex bomber clivense valdostano – oggi presidente del ChievoVerona – assieme al vicepresidente Zanin hanno depositato la nuova denominazione sociale. Il Chievo torna ad essere come era in origine, come tutti noi lo conosciamo: A.C. ChievoVerona. Ripartirà dalla prossima stagione, dalla Serie D. Dalle macerie tristi in cui era precipitato il Chievo con l’ex suo patron Luca Campedelli, l’unico a risollevarlo e a crederci sempre, è stato proprio Sergio Pellisser. L’anima, il cuore del Chievo. Ed è giusto che oggi a presiederlo sia proprio lui, colui che ha rappresentato al meglio il Chievo nei suoi anni migliori, quelli in Serie A.

#RieccoilChievo, Pellisser ripartirà dalla prossima stagione in Serie D

Sospinto dalla tifoseria clivense a prendere la situazione in mano, la quale stava per degenerare al punto che il ChievoVerona stava proprio estinguendosi, Pellissier ha avvertito in cuor suo l’esigenza di considerare l’idea a cui lo invitavano. E – quando al cuore non si comanda – Pellisser è letteralmente sceso in campo (stavolta non quello rettangolare da calcio) per evitare che il Chievo precipitasse nel vortice in cui ha sfiorato di andare, nell’ultimo periodo. Dalla prossima stagione calcistica – targata 2024/25 – il Chievo ripartirà dalla Serie D, per tentare di scalare l’Everest: di tornare quanto prima nel calcio che conta. Che sia Lega Pro o Serie B. Per la Serie A per ora è uno scenario un po’ troppo utopistico.

#RieccoilChievo, dalla piccola città di Aosta a un piccolo quartiere di Verona

Da una piccola città come Aosta a un piccolo quartiere di Verona, è per sintetizzare in poche parole chi è Sergio Pellissier. L’ex bomber clivense, è stato praticamente la storia del Chievo: diciassette stagioni, quattrocentonovantasei presenze e centotrentaquattro reti segnate. La sua migliore stagione: quella del 2007/08 in Serie B, ventidue reti segnate in trentasette presenze. Bastarono per consentire al Chievo di tornare in Serie A dopo solo un anno in cadetteria. Il più bel goal di Pellissier, resterà sempre quello di aver rilevato la società ed esserci riuscito ad ottenerla all’asta e in più inoltre ha ottenuto di riacquisire il nome originale: A. C. ChievoVerona. Colpi che solo un grande bomber realizza.