Roma 2-1 Milan, i giallorossi concludono l’opera

I giallorossi concludo alla grande ciò che avevano iniziato, dopo aver vinto all’andata, sconfigge il Milan anche all’olimpico

Tempo di lettura: 2 Minuti
235

Roma 2-1 Milan, i giallorossi concludono l’opera

I giallorossi concludo alla grande ciò che avevano iniziato, dopo aver vinto all’andata, sconfigge il Milan anche all’olimpico

Per il Milan all’olimpico c’era solo un imperativo, vincere, dovendo rimontare il risultato dell’andata e dovendo vincere con un gol di scarto per andare perlomeno ai supplementari.

Primo tempo

I rossoneri cercano di spingere subito sull’acceleratore, si spingono nella metà campo dei giallorossi senza tuttavia rendersi pericolosi.

Per la Roma la partita è subito in discesa, Pellegrini colpisce un palo con un gran tiro di fuori, Mancini arriva prima di tutti sulla ribattuta e colpisce a botta sicura per l’ 1-0 Roma.

Il Milan non molla e continua ad attaccare. Pochi minuti dopo Loftus-Cheek colpisce la traversa dopo un incursione di Musah, poche azioni dopo arriva il peggio per i milanesi. Lukaku viene pescato in profondità, Gabbia prova a contrastarlo di fisico ma rimbalza letteralmente sul belga, che con una finta mette a sedere Theo Hernandez, serve per Dybala che a giro insacca per il 2-0.

La serata si fa sempre più grigia per i rossoneri, che continuano ad attaccare con il giro palla davanti all’area della Roma. Palleggio tuttavia statico, dato che Svilar poche volte deve intervenire, merito anche dell’ottima prestazione della difesa giallorossa. Al 35′ si complica la partita per i giallorossi. Leao, cerca dipartire palla al piede, ma Celik lo stende da dietro, rimediando il rosso diretto. Pioli non vuole perdere tempo e ancora prima della fine del primo tempo inserisce Jovic togliendo Bennacer.

Secondo tempo

All’intervallo subentrano anche Chuckwueze e Reijnders, per un Milan a trazione anteriore. I rossoneri continuano a spingere, con un giro palla al limite dell’area della Roma, reso statico dalla solidità difensiva dei giallorossi.

Svilar viene difatti chiamato alla parata in pochissime occasioni, viene battuto però da Gabbia, con un colpo di testa all’ 85′, troppo tardi ormai per i rossoneri per provare a recuperare la partita, dovendo segnare più di due gol in 5 minuti più recupero.

Finisce 2-1 all’ Olimpico, con una Roma che da sempre più certezze e conferma che sotto la guida di De Rossi sia diventata una squadra che se la può giocare con tutti. In semifinale affronterà il Bayer Leverkusen, ancora imbattuto in questa stagione.