Trionfo lizzanese per ‘Matematica in un click’

Matematica e fotografia, il binomio vincente del concorso fotografico che ha visto trionfare due giovani lizzanesi

Tempo di lettura: 3 Minuti
510

L’I.C. A. Volta di Taranto ha indetto un concorso fotografico gratuito denominato ‘Matematica in un click’ e rivolto ai ragazzi frequentanti le scuole primarie (solo classi quinte) e secondarie degli Istituti comprensivi della provincia ionica.

Un concorso nato con l’idea di dare lustro a una materia troppo spesso considerata ostile dalla maggior parte degli studenti, la quale è parte integrante della quotidianità in quanto la matematica (come la geometria) risiedono nella semplicità delle piccole cose che, puntualmente, ogni giorno utilizziamo. Ma non solo, in quanto tale rassegna ha concesso ai ragazzi di avere la possibilità di poter partecipare a tale concorso scattando delle diapositive che fossero in grado di riprendere numeri e forme geometriche presenti e racchiuse in varie forme e materie. Per la precisione, parliamo della rappresentazione matematica legata alla sua presenza nell’arte, nella storia, nella musica, nella scienza o nelle altre materie di studio, approfondendo le mille sfaccettature di una tematica ben più complessa, ma, al contempo, presente in modo essenziale in ogni minuta e peculiare sfumatura.

Arte e passione hanno dato vita a un connubio perfetto che ha permesso ai ragazzi di sviluppare e dare sfogo alla loro creatività e alla volontà di riscoprire questa materia osservandola con occhi differenti.

Lo scopo del concorso

Come dianzi riportato e come annunciato nel regolamento del concorso, tale iniziativa è nata dalla semplice volontà e dal desiderio di ridare spessore e concretezza a sguardi concentrati sulla virtualità e spesso inadeguati ad andare oltre la superficie delle cose e dalla consapevolezza che la matematica è un valido strumento per educare gli occhi all’osservazione attenta, innestare ragionamenti, immaginazione e processi creativi.

Dunque, lo scopo è quello di stimolare i ragazzi a osservare ed esplorare ogni ambito della realtà per scoprire le connessioni con la matematica attraverso il mezzo fotografico.

Un concorso simile a un poliedro le cui facce sono lo specchio di ogni materia e di ogni realtà fotografata a seconda del punto di vista del singolo ragazzo.

La premiazione

La premiazione del concorso Matematica in un click’ si è svolta presso l’I.C. A. Volta di Taranto e ha visto trionfare, al primo e secondo posto, due giovani ragazzi frequentanti le prime classi della scuola secondaria di primo grado dell’I.C. A. Manzoni, plesso Chionna.

I due studenti hanno rappresentato rispettivamente due scene con due significati differenti. Difatti, colei che si è aggiudicata il secondo posto ha rappresentato una scena di vita quotidiana ripresa in bianco e nero, nella quale si intravedono due mani (una che sta dando il resto e l’altra che lo riceve dopo l’acquisto effettuato). Un momento di vita reale incastonato in una diapositiva vintage.

Il vincitore e, dunque, il ragazzo che ha conquistato il podio della classifica ha, invece, rappresentato due braccia in bianco e nero segnate da alcuni numeri ivi impressi. Non parliamo di numeri casuali, in quanto la sua scelta è ricaduta su un qualcosa di significativamente profondo dato che uno dei numeri impressi era il 174517, ovvero il numero di Primo Levi. A fare da sfondo a questa fotografia vi era della stoffa rigata in bianco e nero simbolo, anche questo, della ‘tenuta lavorativa’ dei deportati nei campi di concentramento. Uno scatto commemorativo che celebra la memoria, la quale non è simbolicamente ricordata solo il 27 gennaio, ma tutti i giorni, affinché il ricordo possa fungere da mattoncino per un futuro migliore, onde evitare di incorrere nuovamente in un errore fatale che viene rammentato proprio in quei numeri, numeri che hanno visto la dipartita di milioni di persone di ogni età, di ogni razza, di ogni orientamento politico e religioso (e non solo).

Per tale motivo, la giuria ha voluto premiare la fotografia intitolata ‘La Memoria dei Numeri’.