Thailandia: il Golf a Natale visto dall’italiano Rothling

L’imprenditore Michael Rothling in vacanza in Thailandia. Il ritorno sul campo da Golf. “Qui è speciale”

Tempo di lettura: 5 Minuti
301
Golf Destination Basilicata
Fonte: Pexels

Il Golf visto dall’imprenditore Michael Rothling in collegamento con noi direttamente dalla Thailandia. Il Golf in Thailandia è davvero tanta roba. I campi da golf thailandesi rappresentano una sorta di fiore all’occhiello in tutto il mondo, non soltanto in termini di accessibilità e di vasto assortimento, con una moltitudine di campi segnati da bunker posizionati al top e svariati ostacoli d’acqua. Come narrano gli esperti di storia, una disciplina sportiva sorta durante il regno di Re Rama V con il Royal Hua Hin Golf Club. In altri volumi d’epoca si constata come il golf venga praticato e giocato in Thailandia da almeno 100 anni. Il tutto reso più agevole dalla nascita del Royal Bangkok Sports Club, già nel lontano 1905.

Pensate che la Thailandia è è stata eletta “Golf Destination of the Year”, la migliore destinazione in Asia per giocare a golf, dall’International Association of Golf Tour Operators (IAGTO), in occasione dell’“International Golf Travel Market”, che si è svolto a Malaga- in Spagna- nel mese di novembre 2010. Ne abbiamo parlato, alla vigilia del Natale, con il celebre manager Michael Rothling, appassionato di golf sin da piccolo grazie a suo papà. “Il Golf è fantastico, mi piace più del calcio, non lo nascondo. Campioni come Tiger Woods sono sempre più rari. Mi chiedete riguardo allo scudetto di Serie A? Milan o Juve secondo me restano le favorite. L’Inter sta facendo bene ma il campionato è ancora lungo”.

golf thailandia
Michael Rothling in Thailandia mentre gioca a golf

“Quando avevo 7 anni avevo già una specie di terrore nel giocare a golf – fa sapere ai nostri microfoni l’imprenditore italiano Michael Rothling, deus ex machina Dimian Giocattoli e Monopoly Luxury Line (Capri, Viareggio e Forte dei Marmi), abituale frequentatore della Thailandia – Allora  stavo giocando con il mio caro padre. Proprio oggi, alla vigilia del Natale 2023, a distanza di tanti anni, ci sto riprovando con il cuore. E mi sto divertendo un sacco non senza grandi emozioni. Ebbene sì, in ogni scatto e in ogni mossa mio padre mi guidava, il golf è stata sempre una delle sue passioni. Qui in Thailandia il Golf è qualcosa di magico.

Che dire, questo è un periodo natalizio davvero speciale per me… Ripensare a quei momenti fantastici e indelebili… Stare con i miei cari anche se non sono fisicamente qui con me. Papà sempre nel mio cuore”. La Thailandia sembra contare oltre 250 campi da golf e questo dato potrà essere in costante aumento nel futuro. Non va tralasciato, a tal proposito, che di recente ha ricevuto il riconoscimento di Golfer Choice Award come migliore destinazione in Asia per trascorrere in svago, relax e divertimento, un soggiorno top all’insegna del golf. Lo scorso mese di febbraio, sul percorso dell’Amata Spring Country Club di Bangkok, ricordiamo che sono tornati in campo gli azzurri con il DP World Tour. Il circuito europeo prestigioso è ritornato nel paese del sud-est asiatico per la 1^ volta dal 2016 con il celebre Thailand Classic. Come sempre, golf fa rima con spettacolo.

GOLF E IMPRENDITORIA, CHI E’ DIRK ROTHLING: STORIA DEL FUORICLASSE DEI GIOCATTOLI

Appassionato di Golf e conoscitore della Thailandia, ha iniziato la Sua carriera nel mondo del giocattolo nella famosa Zapf Creation Germany AG, nel lontano 1980. Questi anni sono stati per Dirk una “palestra” molto importante dove ha potuto apprendere tutti i segreti di un settore in fortissima espansione. 



Figlio di un architetto tedesco, la cui professionalità era riconosciuta in tutto il mondo, ha appreso l’arte e i segreti del settore del giocattolo da Brigitte Zapf. Una persona molto autorevole in questo mercato e, da tempo, amica della famiglia Rothling. Brigitte è sempre stata una donna eclettica e di personalità poliedrica. E fin da subito notò la genialità e il potenziale manageriale di Dirk appoggiata dal marito Willi Zapf, il quale ingaggiò Dirk in azienda come apprendista.
I coniugi Zapf compresero immediatamente le capacità professionali del giovane Dirk. E in pochi anni diventò dirigente e leva manageriale per la crescita dell’azienda Zapf. Dalla produzione di bambole in cellulosa fino alla nascita di Baby Born.
Dirk Roethling, grazie all’esperienza maturata negli anni, realizzò prodotti di successo nel mondo dei giocattoli, portando l’azienda Zapf ad essere tra i leader mondiali nel settore, riconosciuta anche nei dati NPD.
Una peculiarità che caratterizzò l’operato di Dirk Rothling in Zapf è stata la lungimiranza manageriale di sviluppare, non solo il mercato tedesco. Bensì di elevare il business a nuovi mercati a livello internazionale.
La rinomata Spielzeugzeitung nel 1991 definì il Dott Rothling manager all’avanguardia e quest’ultimo, nello stesso anno, fondò la Zapf Creation Ltd aprendo il primo punto vendita ad Hong Kong. Ciò sviluppando il suo piano strategico di internazionalizzazione dell’azienda, trasferendo il know how tedesco di Rödental nella ex colonia britannica. Brigitte Zapf fu molto colpita da questa visione pionieristica del giovane Dirk.
Dopo la cessione dell’azienda Zapf Creation, nel 1993, ad un fondo di investimento bavarese, la carriera professionale di Rothling varcò l’Atlantico. Il tutto portando il suo know how alla società americana Tiger Toys. E’ divenuto il più giovane direttore generale di una società di giocattoli americana con sviluppo in Europa.
Tiger Toys, conosciuta per i Tamagochi, distribuì in tutt’Europa Handel Games, come Jurassic Park e i giocattoli su licenza firmati Disney. Dopo alcuni anni la Società statunitense fu ceduta alla Hasbro, azienda di fama mondiale nel giocattolo, famosa per il Monopoli.
Dirk, dopo l’avvenuta cessione di Tiger Toys, trasferì tutta la sua professionalità ed esperienza alla società tedesca Dimian.
Purtroppo, nel culmine della Sua eccezionale carriera all’età di soli 52 anni, Dirk Roethling venne a mancare all’improvviso. Ciò lasciando un vuoto incolmabile nella Sua famiglia e per chi lo aveva apprezzato professionalmente.
La Dimian, ancora oggi, vive e collabora con il network internazionale che Dirk costruì con pazienza e dedizioni negli anni ma, soprattutto, con il profondo rispetto che quest’uomo ha saputo infondere nel mondo del business. Con Michael Rothling nulla è impossibile…