L’Inter ormai non si ferma più. Ecco alcune curiosità

316

L’Inter ormai ha acquisito la consapevolezza della sua forza. La gara contro l’Udinese valevole per il 15° turno del campionato di Serie A, vinta per 4-0 ha detto che i nerazzurri al momento sono inarrestabili. Forza, determinazione e fisicità per tutti i novanta minuti di gioco sono le armi in più di questa Inter. Non sembra avere rivali la squadra di Inzaghi quest’anno, eppure la Juventus a soli due punti di distacco mantiene la scia. Le due formazioni sono intenzionate a giocarsi quest’anno un derby d’Italia testa a testa a suon di vittorie e gol.

Le armi in più della formazione di mister Inzaghi

Attacco e difesa sembrano viaggiare a braccetto in questa Inter. Lautaro e Thuram hanno il turbo innescato, Acerbi e Sommer sono un muro invalicabile. Sono queste le armi vincenti dei nerazzurri, che possono contare anche su un centrocampo strepitoso, sempre a segno nelle ultime gare con Barella, Mkhitaryan e Calhanoglu, quest’ultimo con il dodicesimo rigore di seguito trasformato, che appaiono in ottima forma. Inter che gioca sempre a viso aperto la partita, con sprazzi di puro spettacolo in campo. Nerazzurri in testa e con la voglia di provare a fare la prima mini-fuga della stagione. In casa Inter nonostante Simone Inzaghi debba fare i conti con le assenze in difesa con gli infortunati Pavard e De Vrij continua a mantenere retto il muro. Bastoni rientrato dopo un lungo mese di stop, deve mettere minuti nelle gambe.

Numeri impressionanti quelli dei nerazzurri

I nerazzurri fino ad ora hanno raccolto 38 punti sui 45 a disposizione. Un ruolino di marcia impressionante per Lautaro e compagni. 37 le reti messe a segno su 15 gare giocate, una media di due reti e mezze a partita. Soltanto 7 i gol subiti, stesso numero delle reti segnate nelle due ultime gare giocate in campionato. Dettagli questi che non sono da poco. Inzaghi è intenzionato a conquistare la seconda stella con l’Inter. E andando di questo passo non sarà così difficile. Staremo a vedere.