Allarme farine insetti, ecco il codice da controllare

Allarme farine insetti, il codice da controllare onde evitare di acquistare prodotti con farina di insetti nocive per la salute

Tempo di lettura: 2 Minuti
11157
Allarme farine insetti, ecco il codice da controllare

Allarme farine insetti, ecco il codice da controllare.

Diviene sempre più reale la paura di portare sulle nostre tavole la famosa farina di insetti approvata dalla UE. Un timore che cresce a dismisura e in maniera esponenziale e che, come apprendiamo da ilparagone.it. Potrebbe addirittura nuocere alla nostra salute.

Per tale motivo, appare doveroso fare attenzione agli ingredienti di ogni prodotto – la farina di insetti verrà utilizzata in moltissimi prodotti, non solo farinacei – e porre la massima attenzione ai codici che ne rivelano la presenza. Ecco il nostro approfondimento.

Allarme farine insetti, ecco il codice da controllare, l’iniziativa

Su ilparagone.it apprendiamo dell’iniziativa di un noto ristorante palermitano che mette in guardia i suoi clienti e non solo. Ecco cosa ha riportato:

‘Un ristorante palermitano dice “no” alla farina di insetti. Solo poco tempo fa, nessuno avrebbe reputato necessario pubblicare un annuncio del genere. Ma “purtroppo i tempi cambiano e con essi, anche alcune visioni”, è scritto sui social nelle pagine di Salmoriglio, noto ristorante di Palermo specializzato nella cucina siciliana. Ora, a seguito delvia libera all’immissione in commercio della polvere di grillo, previsto dal Regolamento di esecuzione Ue 2023/5 della Commissione Europea del 3 gennaio 2023, un avviso del genere si è reso necessario: “La nostra essenza è sempre stata quella di ricercare sul nostro territorio – si legge ancora nel post di Facebook – quelle materie prime, prodotte ancora vecchia maniera, genuinamente”. L’autorizzazione riguarda la produzione, commercializzazione e quindi utilizzo a scopo alimentare di acheta domesticus (attenzione a questo nome perché è così che li chiamano in codice i grilli) e derivati, tipicamente la polvere parzialmente sgrassata, quale sostituto della più tradizionale (e di uso millenario) farina alimentare. Ecco, dunque, che “non utilizzeremo mai prodotti da laboratorio, come surrogati della carne o alimenti e derivati provenienti dall’allevamento d’insetti e produzione di derivati”, fanno sapere i noti ristoratori siciliani. “Questa attività garantisce ai suoi clienti che non aderisce alla vendita di prodotti alimentari che contengono farine o ingredienti contenenti Acheta Domesticus”, è l’annuncio che potrà leggere chiunque si recherà nel ristorante di via Vittorio Emanuele. Peraltro, dal punto di vista nutrizionale, la scarsa qualità delle proteine della loro carne ne rende pressoché inutile e insostenibile il consumo e senza dimenticare che gli insetti, inoltre, contengono chitina, che non può essere elaborata dal nostro intestino’.

Farina di insetti e l’allarme per la salute

Inoltre, sempre su ilparagone.it apprendiamo anche:

‘Pur se nella sua analisi l’Efsa (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) “ha concluso che la polvere parzialmente sgrassata di Acheta domesticus (grillo domestico) è sicura alle condizioni e ai livelli d’uso proposti”, prima di eventuali reazioni allergiche o conseguenze più gravi, e prima di acquistare i prodotti, particolarmente nella grande distribuzione, non possiamo che consigliare vivamente un’attenta lettura dell’etichetta che riporta gli ingredienti. Soprattutto c’è da sperare che, nel Paese con la migliore cucina al mondo, in tantissimi seguano l’esempio di Salmoriglio e si schierino contro l’ultima follia che viene da Bruxelles’.

Fonte: ilparagone.it