Calciomercato, valzer portieri per Milan e Inter

Momento di riflessione per le milanesi per il ruolo dei portieri. Rossoneri a caccia di un vice Maignan, nerazzurri nel pensatoio su Onana e Handanovic

Tempo di lettura: 3 Minuti
799

Calciomercato, valzer portieri per Milan e Inter. Uno dei ruoli più importanti e delicati in una squadra di calcio è quello del portiere. Sbagliare la scelta significa compromettere il lavoro della squadra e dello staff tecnico. Oggi è cambiata la figura dell’estremo difensore, rispetto a 15/20 anni fa. Adesso devono saper usare i piedi, uscire all’area per sventare contropiedi o per la mancata applicazione del fuorigioco, essere alti per eccellere sulle palle alte e soprattutto per coprire meglio lo specchio della porta agli avversari. Non a caso, i numeri uno moderni sono tutti corazzieri. Gente come Zoff, Tancredi, Arconada, Buyo, Ablanedo che avevano un’altezza di circa 1.77/80 cm non avrebbe diritto di cittadinanza nel calcio attuale.

Calciomercato, valzer portieri per Milan: l’incognita Maignan e l’insicurezza di Tatarusanu

In casa Milan non hanno programmato investimenti per il mercato di gennaio, tranne se dovessero presentarsi situazioni particolari. Una di queste riguarda il lento recupero di Maignan. Il portiere ha saltato i mondiali per un infortunio muscolare e fatica a rimettersi in sesto per via di un nuovo problema fisico. Il polpaccio non avrebbe reagito come ci si sarebbe aspettato e anche se non si tratta di una ricaduta, la cautela attorno alle sue condizioni fisiche resta alta: al rientro in Italia l’estremo difensore verrà sottoposto ad esami strumentali e i prossimi 10 giorni saranno fondamentali per capire quando potrà tornare a tutti gli effetti a difendere i pali rossoneri.

Il francese, dunque, contro la Salernitana il prossimo 04/01/2023 probabilmente non ci sarà, mettendo nel mirino la successiva sfida contro la Roma del 08/01/2022. Se il rientro del portiere dovesse andare per le lunghe, non è da escludere che il Milan possa anticipare l’arrivo di Sportiello che, inizialmente, era previsto per la finestra di mercato estiva.

Ma da Bergamo fanno sapere di essere restii a liberare in anticipo il secondo portiere, anche dietro pagamento. In ogni caso l’entourage del ragazzo ha chiarito alla dirigenza nerazzurra che non ci sarà un domani, il portiere andrà al Milan. Se non a gennaio, a giugno.

Quindi Maldini e Massara hanno due possibilità: vanno avanti con Tatarusanu e Mirante, oppure liberano uno dei due e cercano un altro profilo. In estate alle spalle di Maignan ci saranno due portieri nuovi, ad ogni modo: Sportiello e un altro giovane da crescere, tipo il quotatissimo figlio d’arte Lapo Maria Nava.

Calciomercato, Inter nel pensatoio su Onana e Handanovic: la situazione

Dopo il primo mese di campionato e di coppe europee, Onana ha scalzato il totem Handanovic. Nella scelta hanno pesato vari fattori: età, reattività, serenità interiore, vista sul futuro. Il portiere del Camerun è atteso da una seconda parte di stagione nella quale dovrà confermare le qualità per le quali è stato acquistato. Mentre Handanovic dovrà scegliere se continuare come secondo, tornare a giocare in patria o appendere i guanti al chiodo.

Il terzo portiere Cordaz, ormai vicino ai 40 anni è pronto a lasciare Appiano Gentile al termine della stagione. Non è escluso che possa entrare nei quadri tecnici con un ruolo nelle giovanili. Con il suo addio si aprirà un buco nel ruolo ingrato di terzo della graduatoria. La società potrebbe promuovere al suo posto il 22 enne brasiliano Brazao, gigante di 1.92 cm oppure cercare di riprendere Di Gregorio dal Monza.

Gli osservatori interisti sono al lavoro per le relazioni su Carnesecchi (Cremonese), Vicario (Empoli), Musso (Atalanta), Dragowski (Spezia), Meret (Napoli) e Falcone (Lecce). All’estero sono attenzionati i profili di Rulli (Villarreal), Unai Simon (Atletico Bilbao), Kepa Arrizabalaga (Chelsea) e Livakovic (Dinamo Zagabria). Se la società non dovesse essere soddisfatta di Onana e Handanovic potrebbe pescare fra questi nomi a fine annata.