Il Club ACI Storico protagonista della prima giornata di Milano AutoClassica

Dopo il taglio del nastro il Presidente dell’ACI Angelo Sticchi Damiani ha inaugurato l’Area Incontri del padiglione 7

Tempo di lettura: 2 Minuti
126
Milano AutoClassica
Milano AutoClassica

Milano, 18 novembre 2022

Questa mattina è entrata ufficialmente nel vivo la dodicesima edizione di Milano AutoClassica dal padiglione 7 che ospita l’imponente stand di ACI Storico.

Il taglio del nastro è avvenuto davanti alle “tre regine” ovvero le Ferrari 312 B3 “Spazzaneve” del 1973, la 312 T4 del 1979 e la 126 CK del 1980, presenti in onore dell’Ingegnere Mauro Forghieri, ricordato anche dal Presidente dell’ACI Angelo Sticchi Damiani, che subito dopo l’inaugurazione, ha presieduto un tributo all’importante progettista nell’Area incontri del Club ACI Storico, a cui è intervenuto in collegamento live, l’Ingegner Piero Ferrari figlio del Drake.

Poco dopo sono saliti sul palcoscenico al fianco del Presidente dell’Automobile Club d’Italia Giuseppe Redaelli – Presidente dell’Autodromo Nazionale di Monza, Geronimo La Russa – Presidente Automobile Club Milano, Roberto Giolito – Head of Stellantis Heritage e Alessandro Ravera – Heritage Special Vehicle Operations Manager, per il dibattito “Tributo di Abarth Classiche ai 100 anni del Circuito di Monza”, durante il quale è stata presentata per la prima volta al pubblico la Abarth Classiche 500 Record Monza ’58. Una vettura celebrativa dedicata al centenario dell’Autodromo di Monza, il “tempio della velocità” italiano in cui il marchio Abarth ha collezionato innumerevoli successi.

Il circuito brianzolo è rimasto sotto i riflettori anche in occasione del secondo incontro, dedicato alla presentazione del libro “Granturismo & Monza” in cui sono intervenuti il Presidente La Russa, che ne ha curato la prefazione, l’autore Ugo Vicenzi e l’editore Stefano Nada, i quali hanno ripercorso alcune delle gare GT più importanti che si sono disputate sul tracciato lombardo.

Successivamente lo spazio dedicato ai dibattiti di ACI Storico ha introdotto il volume “Classic Car Auction Yearbook 2021-2022”, la più autorevole pubblicazione sul mercato internazionale delle aste, illustrata dal suo autore Adolfo Orsi che ha trattato svariate tematiche legate al mercato che vede attualmente in testa la realtà americana e con prezzi in forte crescita in particolar modo nei confronti delle instant classic.

Nel pomeriggio l’attenzione del pubblico è stata rivolta sulla Rievocazione Storica della Coppa Milano-Sanremo 2023, nonché uno degli appuntamenti di maggior rilievo del Campionato Italiano Grandi Eventi di ACI Sport, che è stata presentata dagli organizzatori della Equipe Grand Prix, il Presidente Maurizio Cavezzali ed il CEO Gianpaolo Sacchini, i quali hanno ripercorso anche il successo dell’edizione di quest’anno.

La giornata si è conclusa con gli interventi “In Viaggio nel Mondo Auto di Sara” e “ACI Global Servizi – gli specialisti per il Motorismo Storico: trasporti, assistenza, certificazioni”. Quest’ultimo ha visto la presenza del Direttore Generale di ACI Global Servizi Enrico Colombo che ha illustrato nel dettaglio tutte i servizi rivolti alle vetture e alle moto d’epoca.

“ACI crede in questo evento e penso possa crescere molto in futuro, anche se dovrebbe distanziarsi maggiormente da Auto e Modo d’Epoca di Padova, che migrerà a Bologna dal prossimo anno – ha dichiarato il presidente dell’Automobile Club d’Italia Angelo Sticchi Damiani – Ci sono le condizioni per fare bene a partire dalla location: una fiera importante e molto grande, aiutata dai collegamenti che offre Milano. Ben venga tutto questo e sono molto contento che si vedono tanti giovani”.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam 14 + = 21