Addio a Giampiero Boniperti, presidente e campione immenso della Juventus

Icona della Vecchia Signora, simbolo della juventinità, ci lascia a 92 anni

Tempo di lettura: 2 Minuti
1331

Addio a Giampiero Boniperti, presidente e immenso fuoricorso della Juventus. A 92 anni si è spento, dopo aver dedicato tutta la sua vita al suo grande amore: la Juve. È stato calciatore della Juventus e della Nazionale italiana. Un campione che insieme a Charles e Omar Sivori ha infiammato gli stadi di tutta l’Italia. Recordman di presenze e di gol in bianconero, superato solo dall’altro simbolo della juventinità, Alessandro Del Piero. Nella sua splendida carriera tanti i titoli vinti. Una vita in bianconero, dove è stato per anni il capitano ed il simbolo della squadra. Appese le scarpette al chiodo è entrato a far parte della società.

Addio a Giampiero Boniperti, presidente della Juve e simbolo bianconero

È diventato presidente della Juventus, con la quale ha vinto tutto, in Italia, in Europa e nel mondo. Ha portato a Torino una serie di campioni incredibile. Dai vari Zoff, Gentile, Cabrini, Scirea, Brio, Causio, Tardelli, Benetti, Bettega, fino a Platini, Boniek, Brady, Laudrup, fino ad Alessandro Del Piero. A quest’ultimo ha passato lo scettro di Re della Juventus. Alex ha infatti battuto tutti i record, un tempo detenuti da Boniperti. I due simboli juventini, hanno sempre avuto rispetto ed ammirazione l’uno per l’altro.

Boniperti, il presidente senza fine

Dopo essere stato per lunghissimi anni un presidente operativo, Boniperti è stato eletto presidente onorario del club. Ricordiamo tutti la sua mitica frase: “Vincere non è importante, è l’unica cosa che conta”. Questo è anche il motto e lo slogan della Juventus, scritto all’interno dellAllianz Stadium, come se fosse il mantra della società. Le parole pronunciate da Boniperti, sono rimaste scolpite nei pensieri di tutti i tifosi e dirigenti bianconeri. Il presidente era anche colui che a fine primo tempo, lasciava lo stadio insieme a Gianni Agnelli, per il troppo stress. Un altra caratteristica epica di un uomo irripetibile, che era e resterà il cuore pulsante della Juventus.