Allegri, schiaffone al club bianconero

Il tecnico livornese non ha esitato ad avvertire la dirigenza juventina

Tempo di lettura: 1 Minuti
388
allegri juve

Massimiliano Allegri nell’ultima partita persa dalla Juventus in casa contro l’Udinese, ha voluto lanciare un messaggio chiaro alla società

Uno schiaffone ben dato, per chi forse aveva idee differenti, ma onestamente non fattibili.

Durante la gara, il tecnico toscano ha fatto capire a tutti il suo punto di vista.

Un punto concreto e che difficilmente potrebbe essere messo in discussione.

Nel secondo tempo l’allenatore bianconero ha fatto alcune sostituzioni.

Sono usciti i titolari: Chiesa, Locatelli, Cambiaso, Mc Kennie.

Inoltre durante la gara, ha presentato Alex Sandro tra i titolari.

In panchina invece è rimasto Daniele Rugani, che fino ad oggi aveva fatto benissimo come sostituto di Danilo.

Alex Sandro invece continua a lasciare solo tracce negative.

Insomma un suicidio tecnico e tattico.

Allegri ha dato uno schiaffone al club

Tornando ai cambi nella seconda frazione di gioco, il tecnico ha lanciato un messaggio chiarissimo alla società.

I cambi a disposizione non sono all’altezza, puntare allo scudetto contro una squadra ben struttura come l’Inter è impossibile.

Nel secondo tempo sono entrati Nicolussi Caviglia, Iling Junior, Yildiz ed addirittura il giovanissimo Cerri.

Questo è il materiale umano a disposizione di Allegri.

Allegri

Si potrebbe far di meglio con cambi di questo calibro e con titolari come Alex Sandro, Locatelli e qualche altro?

La risposta è NO!

Per vincere servono almeno 4 innesti di campioni pronti.

Gli attuali titolari allora costituirebbero una buona panchina.

Questa è la realtà,bil resto sono favolette per bambini o per chi di calcio fatica a capirne.

Allegri ha lanciato un messaggio chiarissimo al club, a loro spetta recepirlo e soprattutto comprenderlo.