Brutta Juventus: Allegri deve vincere a Milano

Occasione sprecata, adesso per battere l’Inter serve un mezzo miracolo

Tempo di lettura: 1 Minuti
321
allegri juve

Brutta Juventus quella vista contro l’Empoli. Una gara sulla carta abbordabile, divenuta un film horror. Non è la prima volta che i bianconeri lasciano punti contro i toscani 

La partita è stata certamente condizionata dalla sciocca espulsione di Milik.

Un calciatore che raramente parte da titolare (forse ci sarebbe da fare una profonda riflessione in merito).

Ovviamente una riflessione su una partita non di può ridurre ad un solo episodio, pur se molto importante.

L’Empoli ha giocato un’ottima partita.

Nicola ha dato grinta, gioco e posizioni in campo ben precise.

Allegri si è trovato spiazzato dal fallo sconsiderato dell’attaccante polacco.

Brutta Juventus: Allegri non ga scelta

Il tecnico livornese non è riuscito a cambiare marcia alla squadra.

La Juve è riuscita a passare in vantaggio con Vlahovic, ma non ha saputo mantenerlo.

Probabilmente la scelta di mandare in campo Weah, senza provare a chiuderla con l’ingresso di Yildiz è stata letale.

Certo, con il senno di poi….

Adesso, se Allegri vuol provare a dar fastidio all’Inter fino alla fine del campionato, deve andare a vincere a Milano.

Attualmente per riuscire nell’impresa servirebbe un mezzo miracolo.

L’ Inter ha una squadra ed una rosa più forte e completa.

È, senza dubbio, la squadra favorita fin dall’inizio del torneo.

Allegri finora ha avuto il merito di stare li in alto, con una squadra rintuzzata e senza Pogba, Fagioli e con Chiesa, che come al solito, gioca la metà delle partite a disposizione.

Juventus

L’errore commesso contro l’Empoli non si può fare, quando una squadra più forte sta duellando con te.

Per vincere a Milano, sarebbe servito il miglior Pogba, quello della prima esperienza juventina.

Il centrocampo dell’Inter ha più qualità, ma con quel Pogba, la Juventus avrebbe potuto competere praticamente ad armi pari.

Così non sarà, per far risultato la Juve confusionaria vista contro l’Empoli, dovrà essere solo una parentesi da dimenticare in fretta.