Klopp ha deciso: lascerà il Liverpool a fine stagione

Jurgen Klopp dopo 9 stagioni sulla panchina dei Reds ha deciso di terminare la sua avventura con il club inglese con un anno anticipo.

Tempo di lettura: 4 Minuti
234

Klopp ha deciso: lascerà il Liverpool a fine stagione

 

Jurgen Klopp dopo 9 stagioni sulla panchina dei Reds ha deciso di terminare la sua avventura con il club inglese con un anno anticipo.

 

La notizia è ufficiale, a comunicarlo è il club inglese. Tramite i propri profili social e un video in cui annuncia l’addio ai propri tifosi.

 

Un’avventura dalle quale il tecnico tedesco difficilmente avrebbe potuto chiedere di più, vincendo quasi tutto che poteva vincere. Un mondiale per club, una Champions League, una premier League, una coppa di lega, una FA Cup, una Supercoppa europea e inglese.

 

Di seguito il lungo comunicato della squadra:

 

Dopo aver guidato i Reds verso un’altra finale di Wembley, il 56enne continuerà a supervisionare le ultime partite della stagione 2023-24. Poi calerà il sipario su un glorioso regno manageriale durato otto anni e mezzo. Anfield, che ha visto il club vincere fino ad oggi sei trofei importanti sotto la sua guida.

 

Anche gli assistenti allenatori Pepijn Lijnders e Peter Krawietz, così come l’allenatore dello sviluppo d’élite Vitor Matos, lasceranno le loro posizioni alla fine della stagione, con Lijnders desideroso di perseguire la propria carriera manageriale.

 

Confermando la sua decisione a Liverpoolfc.com, Klopp ha illustrato le ragioni alla base della decisione e i tempi dell’annuncio odierno, ponendo particolare enfasi sulla necessità di fare chiarezza il più presto possibile per creare le condizioni affinché una transizione ordinata avvenga a tempo debito.

 

Ha detto: “Posso capire che sia uno shock per molte persone in questo momento, quando lo senti per la prima volta, ma ovviamente posso spiegarlo – o almeno provare a spiegarlo.

 

“Amo assolutamente tutto di questo club, amo tutto della città, amo tutto dei nostri tifosi, amo la squadra, amo lo staff. Amo tutto. Ma il fatto che io prenda comunque questa decisione dimostra che sono convinto che sia quella che devo prendere.

 

“Il fatto è che, come posso dirlo, sono a corto di energie. Adesso non ho problemi, ovviamente, lo sapevo già da tempo che prima o poi avrei dovuto annunciarlo, ma ora sto assolutamente bene. So che non posso fare il lavoro ancora e ancora e ancora e ancora.

 

“Dopo gli anni che abbiamo passato insieme e dopo tutto il tempo che abbiamo trascorso insieme e dopo tutte le cose che abbiamo passato insieme, il rispetto per te è cresciuto, l’amore è cresciuto per te e il minimo che ti devo è la verità – e questo è il verità.”

 

Klopp è stato nominato allenatore del Liverpool l’8 ottobre 2015. È stata una decisione che avrebbe rivoluzionato il club e lo avrebbe affermato ancora una volta come una forza in patria e all’estero.

 

Sotto la sua guida, il Liverpool ha vinto la UEFA Champions League, la Premier League, la Coppa del Mondo per club FIFA, la FA Cup, la Coppa di Lega e la Supercoppa UEFA, oltre all’FA Community Shield.

 

Klopp ha aggiunto: “L’avevo detto al club già a novembre. Devo spiegare un po’ che forse il lavoro che faccio la gente lo vede dall’esterno, sono sulla linea laterale e durante le sessioni di allenamento e cose del genere, ma la maggior parte di tutte le cose accadono intorno a questo genere di cose. Ciò significa che una stagione inizia e tu pianifichi già praticamente la prossima stagione.

 

“Quando ci siamo seduti insieme a parlare di potenziali acquisti, del prossimo campo estivo e di se potevamo andare ovunque, mi è venuto in mente il pensiero: ‘Non sono più sicuro di essere qui allora’ e ne sono rimasto sorpreso anch’io. Ovviamente comincio a pensarci.

 

“Non è iniziato [allora], ma ovviamente la scorsa stagione è stata una stagione molto difficile e c’erano momenti in cui in altri club probabilmente la decisione sarebbe stata: ‘Dai, grazie mille per tutto, ma probabilmente dovremmo dividerci qui, o farla finita qui.’ Questo non è successo qui, ovviamente.

 

“Per me è stato super, super, super importante poter aiutare a riportare questa squadra sui binari. Era tutto ciò a cui pensavo. Quando ho realizzato abbastanza presto che quello che è successo è davvero una buona squadra con un enorme potenziale e una super fascia d’età, super personaggi e tutto il resto, allora ho potuto ricominciare a pensare a me stesso e questo è stato il risultato. Non è quello che voglio [fare], è solo quello che penso sia giusto al 100%”.

 

Con cinque mesi ancora da giocare della stagione in corso, i Reds rimangono coinvolti in quattro competizioni – e mentre ci sono ancora trofei da inseguire, Klopp farà in modo che tutti gli addii siano fermamente sospesi fino alla sua ultima partita alla guida del Liverpool Football Club a maggio.

 

Ha detto: “Avremo un momento, forse l’ultima giornata qui o da qualche altra parte – intendo in altri paesi o in altre competizioni. C’è abbastanza tempo per fare questo genere di cose. Adesso proviamoci davvero. Il mondo esterno vuole sfruttare questa decisione, riderci sopra, vuole disturbarci.

 

“Noi siamo il Liverpool, abbiamo affrontato cose più difficili insieme. E tu hai affrontato cose più difficili prima di me. Facciamone un punto di forza. Sarebbe davvero fantastico. Spremiamo tutto da questa stagione e avremo un’altra cosa di cui sorridere quando guarderemo indietro nel futuro

 

Rispondendo alla notizia, il presidente del Fenway Sports Group Mike Gordon ha sottolineato la determinazione collettiva per un approccio “business as usual” fino alla conclusione del mandato di Klopp, sottolineando anche la portata del suo impatto continuo sul Liverpool.