Calcio e satira: i commenti degli allenatori dopo la 20ma giornata

L’Inter centra la salvezza, la Roma lotta per arrivare a 40 punti dalla vetta mentre la Salernitana punta alla lega pro in 2 anni

Tempo di lettura: 5 Minuti
358

Calcio e satira dopo la 20ma giornata, i commenti degli allenatori.

Inter, Simone Inzaghi: con questa vittoria sul Monza siamo ad un passo dalla matematica salvezza, lottiamo per un posto fisso in Conference League. Il primo posto non ci soddisfa più, vogliamo arrivare dietro ai cugini del Milan ed ai fratelli juventini, perchè siamo generosi con il prossimo. Il Real Pusterlengo è avvisato.

Juventus, Allegri:dopo 20 giornate avremmo dovuto avere 35 punti, ma gli arbitri ci hanno concesso sempre dei rigori, con i quali abbiamo toccato quota 49. Mi sento frustrato dalla loro sudditanza psicologica, non meritiamo tutto questo. Intanto ieri sera abbiamo battuto il Real Madrid per 3-0, quindi, state zitti e muti e rispettate chi viene dal basso come me.

Milan, Pioli: battere la Roma, la 5ta squadra della capitale dopo Lodigiani, Trastevere, Tor Pignattara e Lazio, è stato per noi un pugno allo stomaco. Abbiamo lottato per farli pareggiare, ma proprio non ce la facevano i romanisti. Tuttavia, resto del parere che se avessi a disposizione ancora Tassotti ed Ancelotti, faremmo tutto un altro tipo di campionato.

Fiorentina, Italiano: Sono pienamente soddisfatto a metà del nostro girone d’andata. Arrivare a -17 dall’Inter e a +22 Sulla Salernitana non era facile e noi ci siamo riusciti. Adesso aspetto i rinforzi dalla società. Stiamo trattando Baggio, Edmundo e Batistuta, perciò dico ai tifosi di avere pazienza ancora per poco.

Atalanta, Gasperini: quest’anno volevamo puntare al 10mo posto, ma le avversarie sono troppo forti in questo momento. Sono sorpreso dalla forza del Frosinone, mi aspettavo un pareggio, ma nei primi 15′ i canarini sembravano giocatori della DEA.

Lazio, Sarri: quando Lotito mi ha preso, ho pensato “ma che ci faccio qui”? Poi poco alla volta il popolo biancoceleste mi ha fatto capire l’importanza del Derby. Resto a Roma (e ci tengo a farvelo sapere) solo perchè il Presidente mi ha promesso che acquisterà Zico, Neymar, Messi ed il fuoriclasse Persichetti, un giovane 60enne cresciuto nella primavera del Cuneo.

Bologna, T. MOTTA: davvero pensavate che fossimo noi l’anti-Empoli?

Napoli, Mazzarri: mi esprimerò solamente dopo la finale di Supercoppa di Riyad, prima di allora penserò alla prossima partita contro il Pozzuoli, una squadra che ci ha fatto sempre soffrire.

Roma, Mourinho: è la mia ultima conferenza stampa, mi piange il cuore per l’ennesimo esonero,sono un essere umano anche io, però, stavo rispettando la tabella di marcia della società, che mi ha chiesto di arrivare a -40 punti dalla capolista. Adesso siamo a -22, quindi in perfetta media.. De Rossi? Zero tituli “pure lui” come tecnico.

Torino, Juric: con Cairo come presidente sono in una botte di ferro, nel senso che ogni anno, smantellandomi la rosa, sarà sempre lui il miglior amico del Toro.

Monza, Palladino: ma avete visto che spettacolo contro l’Inter? Sembravo Zeman ai tempi del Foggia, in cui regalava grandi emozioni ai tifosi avversari una domenica no e dieci si.

Calcio e satira, i commenti dei tecnici dopo la 20ma giornata.

Genoa, Gilardino: con i nuovi arrivi e le partenze di poco conto, porterò questa squadra a lottare per la Champions League del 2065, scommettiamo?

Lecce, D’Aversa: non posso parlare, altrimenti mi aumentano l’ingaggio.

Sassuolo, Dionisi: mi dispiace aver preso solo 3 reti dalla Juventus, meritavamo di meglio. Berardi e Laurientè ci provano sempre, ma quando si trovano di fronte un portiere come Dino Zoff, non possono far altro che accettare il verdetto. Al mio Presidente ho promesso che il prossimo anno saremo i vincitori del torneo di serie B. Stiamo stilando una tabella di marcia che nemmeno il PSV di Eindhoven sarebbe in grado di reggere, ovvero 10 sconfitte nelle prossime 18 partite.

Frosinone, Di Francesco: mi piace far divertire il pubblico sia amico che avversario, e quando ci riesco, come a Bergamo, sono l’allenatore più felice del Mondo. Al Presidente Stirpe ho garantito la retrocessione nel girone di ritorno; vedrete che ce la farò.

Udinese, Cioffi: spero di arrivare ultimo, ma se proprio la Salernitana insiste,lascio loro tale trofeo.

Cagliari, Ranieri: Ranieri non può essere soggetto a satira perchè Sir Claudio è un’istituzione vivente del calcio Mondiale ed italiano.

Verona, Baroni: devo dire che il nostro Presidente ed il nostro DS, stanno vendendo i nostri migliori elementi per metterci a nostro agio per la rincorsa alle zone alte della classifica. Staremo a vedere altrimenti la Serie B non arriverà mai nella città di Giulietta e Romeo.
P.s.Mica ho ripetuto troppe volte la parola nostro?

Empoli, Andreazzoli: e ve lo voglio diii, che so stato io….., canzoni a parte, ho rilanciato l’Empoli. 13 punti, 2 vittorie, 6 pareggi, 12 sconfitte, 17 reti fatte e 40 subite (molte subite dal mio predecessore) in 20 gare non è da tutti, siete d’accordo?
Auguro a Nicola di fare 1 punto nelle prossime 5 gare, se lo merita.

Salernitana, P. Inzaghi: cerco di far capire ai ragazzi che siamo una squadra da 25mo posto in campionato, poi faccio vedere loro la classifica, in cui occupiamo il 20mo, e gli animi si rasserenano. In base alla mia esperienza da ex calciatore, sono sicuro che ho azzeccato a fare l’allenatore perchè ovunque vado lascio bei ricordi e belle speranze. Prometto ai tifosi salernitani di fare 54 punti nelle prossime 100 partite. Con me Iervolino è in buone mani. La lega pro è nostra!

Conclusioni
Questa rubrica non vuole essere offensiva nei confronti di nessuna società ne tanto meno delle loro professionalità e competenze, ma semplicemente tende a sdrammatizzare il peso mediatico di questo sport, dove ci si arriva ad odiare anche se si è amici, ma che tifano per squadre differenti.

Oggi abbiamo bisogno di ridere perchè la vita reale, fuori dal rettangolo di gioco, è dura per tante persone, che a tutto pensano tranne che al Var, che è notorio dare certe varrate (o varate) tra capo e collo, a chi ha meno potere socio-economico.



Sono stato un ex atleta agonista sia di sport collettivi che individuali. Ho praticato il calcio fino al 1996 arrivando alle soglie della serie D. Nello stesso anno un infortunio mi dirottò al Triathlon dove mi specializzai nelle lunghe distanze vincendo un argento ed un bronzo ai Campionati Italiani Age-group dell'Isola D'Elba, sempre su distanza Ironman (3.8 km di nuoto, 180 km di bici e 42 km di corsa). Ho iniziato a scrivere nel 2018 presso Supernews, poi nel 2020 ho iniziato a collaborare, per avere visibilità, con la Gazzetta Fan-news; infine sono approdato alla testata di Sportpaper nel settembre del 2021. Adesso spero si dare il mio contributo anche a News-sports. I miei cavalli di battaglia sono le interviste ai Campioni di ogni sport ed amo scrivere di qualsiasi disciplina perchè lo sport è vita.