Standard di qualità e legislazione: come funziona il settore del gioco d’azzardo in Italia

Tempo di lettura: 5 Minuti
264
come funziona il settore del gioco d'azzardo

Grazie agli autori del sito web allbetsites.org, abbiamo potuto pubblicare questo interessante articolo. È noto che il baccarat è nato in Italia nel XV secolo, e anche il gioco del bingo ha origini italiane, infatti già negli anni ’30 del 1500 gli italiani giocavano a “Lo Giuoco del Lotto d’italia”, che assomigliava al bingo. Inoltre, è proprio da questo paese che deriva la parola “casino”.

Entertainment 24, con il supporto di Cosmolot, continua a far conoscere ai suoi lettori come funziona il settore del gioco d’azzardo in diversi paesi del mondo. E oggi parleremo delle peculiarità del gioco d’azzardo in Italia.

La legislazione sui giochi d’azzardo in Italia è molto diversa dalle leggi degli altri paesi dell’UE. La normativa ha creato condizioni favorevoli per il successo degli operatori, sia terrestri che online.

Per saperne di più sul settore del gioco d’azzardo in Italia, puoi consultare questo articolo di approfondimento.

Storia dello sviluppo dei giochi d’azzardo in Italia

La storia dei giochi d’azzardo in Italia risale ai tempi dell’Impero Romano, quando il Ludus Duodecim Scriptorum, predecessore del moderno gioco dei tavoli, era molto popolare tra i legionari romani.

Il primo casinò pubblico in Italia fu aperto a Venezia nel 1638. A quel tempo, l’ala del Palazzo Dandolo di Venezia fu trasformata nel casinò Ridotto su ordine dei governanti della città. La parola “casinò” stessa ha origini italiane: la radice “casa” significa casa.

Il Ridotto era di proprietà del governo con lo scopo di controllare l’attività di gioco dei cittadini. L’ingresso al casinò era gratuito, ma questa forma di intrattenimento era accessibile solo all’alta classe. Ciò perché c’era un codice di abbigliamento formale e le scommesse erano troppo elevate. I giochi più popolari erano il biribi, un gioco simile alla roulette, in cui si scommetteva somme basse, e il bassetta, un gioco di carte d’azzardo destinato alle persone di rango più elevato a causa delle grandi perdite o vincite che i giocatori potevano subire.

La chiusura del Ridotto nel 1774 portò all’aumento della popolarità dei casinò chiusi. Questi eventi segnarono l’inizio della regolamentazione dei giochi d’azzardo in Italia. Oggi, nell’edificio del primo casinò italiano, si trova nuovamente un casinò noto come Casino di Venezia. Dispone di oltre 600 slot machine e offre giochi da tavolo come il blackjack e il Texas hold’em. Il Casino di Venezia ospita anche il torneo del World Poker Tour durante il Carnevale di Venezia.

Leggi sul gioco d’azzardo in Italia

Secondo la legislazione penale italiana, i giochi d’azzardo sono illegali, indipendentemente dal fatto che siano organizzati in luoghi pubblici o in club privati. Tuttavia, esiste una differenza tra i giochi di fortuna e i giochi in cui il risultato dipende dalle abilità del giocatore. Pertanto, si può dire che praticamente tutti i prodotti di gioco d’azzardo sono consentiti e regolamentati rigorosamente dalla legge. In particolare, lo status legale è stato concesso alle forme più popolari di gioco d’azzardo:

  • Casinò;
  • Scommesse sportive;
  • Corse;
  • Bingo;
  • Lotteria.

Di conseguenza, i giocatori italiani possono scegliere tra una vasta gamma di giochi d’azzardo. I casinò offrono tutti i giochi classici: roulette, blackjack, baccarat, poker e persino un gioco di carte francese del XVII secolo, popolare tra i residenti locali. L’età minima per partecipare ai giochi d’azzardo nei casinò italiani è di 18 anni, ed è richiesto un documento d’identità valido con foto.

Per mantenere gli standard di qualità stabiliti dallo Stato, gli operatori di giochi d’azzardo devono operare in conformità con rigorosi requisiti. E tutte le sale da gioco devono essere autorizzate dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – l’ente regolatore in Italia.

I casinò sono soggetti a una tassa fissa del 20% su tutti i giochi regolamentati. Altre forme di giochi d’azzardo, come scommesse sportive e corse, giochi di abilità e lotterie, sono soggetti a una tassa del 3% sul loro fatturato. Inoltre, il governo italiano tassa solo il profitto dell’azienda, non il fatturato complessivo, come in altri paesi, e richiede che i prodotti per il gioco d’azzardo garantiscano un pagamento di almeno il 90% del fatturato totale.

Le leggi sul gioco d’azzardo in Italia prevedono anche tornei di poker, dove il buy-in massimo è limitato a 250 euro. La violazione della legge può essere punita con multe e persino con il carcere.

Attualmente in Italia ci sono almeno 37 sale da gioco terrestri, situate in 15 città. Tra queste, dieci si trovano a Milano e servono sia i turisti che i residenti locali. Un fatto interessante è che a Roma, la capitale d’Italia, non c’è nessun casinò.

Per maggiori informazioni sul gioco d’azzardo in Italia, puoi consultare il sito istituzionale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli: https://www.adm.gov.it/portale/it/home

Il gioco d’azzardo online

Come nel resto del mondo, anche in Italia sta aumentando la popolarità del mondo delle scommesse online. Le leggi italiane sul gioco d’azzardo online consentono diversi tipi di giochi da casinò. Ogni persona maggiorenne può partecipare ai giochi online. Oggi in Italia quasi tutte le principali forme di giochi online sono legali, quindi ognuno può trovare il gioco perfetto per i propri gusti. In particolare sono disponibili i seguenti giochi:

  • Slot machine; Blackjack; Roulette; Video Poker; Baccarat; Giochi con croupier dal vivo; Casino Hold’em; Craps; Caribbean Stud Poker; Poker a tre carte; Pai Gow Poker; Sic Bo.

Tuttavia, per entrare nel mercato, una società di gioco d’azzardo deve avere un fatturato di almeno 1.500.000 euro per i due anni precedenti e gestire prodotti di gioco d’azzardo in Europa. La gestione dei giochi online è affidata all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, che è guidata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Pertanto, agli operatori è richiesto di pagare un anticipo di 350.000 euro all’ente regolatore.