Martinotti è profeta in patria a La Grande Corsa

Il pilota di casa, alla seconda apparizione sull’Opel Corsa GSI gruppo A di Clacson Motorsport, sale sul gradino più alto del podio tra le millesei gruppo A.

Tempo di lettura: 2 Minuti
204
Martinotti è profeta in patria a La Grande Corsa

Tanto divertimento, forti emozioni ed un pizzico di fortuna sono alla base del successo conquistato da Emilio Martinotti a La Grande Corsa che ha chiuso il sipario sul Trofeo Rally di Zona uno, sul Memory Fornaca e sul Michelin Trofeo Storico.
L’evento, tenutosi tra Venerdì 24 e Sabato 25 Novembre, ha visto il pilota di casa risalire su quell’Opel Corsa GSI gruppo A che gli aveva già permesso cogliere un bel podio in classe A-J2/1600, in un Rally Il Grappolo Storico che sanciva il suo debutto assoluto nel mondo dei rally.
Il pilota di casa, in coppia con Manlio Robiola per l’occasione, ha così siglato il secondo podio consecutivo in altrettante apparizioni, regalando a Clacson Motorsport il successo in classe A-J2/1600, pur aiutato da una dea bendata che ha giocato a favore del pilota dell’Opel trentina.

“Grazie a Clacson Motorsport ho avuto una Corsa super” – racconta Martinotti – “che si è rivelata indubbiamente più competitiva del pilota. Ci siamo divertiti tantissimo e, assieme al mio navigatore e grande amico Manlio, abbiamo anche fatto una dignitosa figura. Abbiamo ricevuto tanti complimenti per i nostri passaggi spettacolari. La Corsa è andata benissimo e Diego Gonzo si è confermato eccezionale come persona, di grandissimo cuore. È davvero un piacere correre con lui e con tutto il suo team. Siamo soddisfatti della nostra gara, di come si è comportata la vettura e dell’assistenza. Conto di tornare al volante anche nel 2024.”

Un successo che, unito al dodicesimo in quarto raggruppamento ed al ventottesimo nella generale, regala gioia ad un ex navigatore che, all’età di sessant’anni, ha deciso di mettersi in gioco, cambiando sedile e coronando il sogno di correre con le vetture in arrivo da Strigno.

“Mi ritengo davvero fortunato” – aggiunge Martinotti – “perchè poter debuttare da pilota alla mia età è un privilegio. Ho corso per una vita da navigatore, dai tempi delle A112 alle R5 di oggi, e devo tutto questo a Mario Trolese. Ho cercato di recepire i suoi insegnamenti e di metterli in pratica, riuscendoci in piccola parte. Da quando seguo i rally mi sono sempre ricordato di quelle Opel Corsa con la scritta Clacson Motorsport e, grazie all’amicizia che lega Mario a Diego, sono riuscito a coronare un mio piccolo sogno. Due gare con la loro Corsa ed è arrivato un terzo al Grappolo ed una vittoria qui. Non potrei essere più soddisfatto per questo 2023.”



Ho iniziato la mia attività nel web nel 2001 e mi sono specializzato nello sviluppo di strategie e progetti di comunicazione integrata online e offline, con particolare propensione verso l'ambito del motorsport. Grazie all'esperienza maturata nel corso di questi anni ho ampliato i miei orizzonti professionali riuscendo ad integrare forme di comunicazione tradizionale con le migliori opportunità che il web può offrire. Affianco il cliente sin dai primi passi, delineandone le esigenze e proponendo le soluzioni più adeguate al modello personale di business preso in esame con l'obiettivo di sfruttare al massimo i vantaggi che il mondo digitale, unito a quello tradizionale, è in grado di offrire.