ALEX NIKOLOV: INTERVISTA

Tempo di lettura: 2 Minuti
538

L’astro nascente del volley bulgaro, Alex Nikolov, ormai certezza per la Cucine Lube Civitanova, si è raccontato in questa intervista esclusiva ai microfoni della testata sportiva News.Superscommesse.it per parlare di quest’avvio di stagione e dei suoi obiettivi personali.

Alex, inizierei la nostra chiacchierata dall’ultimo match disputato in ordine cronologico: quello perso contro Milano per 3 a 0. Cosa non ha funzionato?
“Ci è mancata un po’ di fame, tutto qui. Mi dispiace perché volevo giocare una partita combattuta e più lunga”.

Dal campionato al primo grande appuntamento della stagione, la Final Four di Supercoppa Italiana. Competizione terminata con una medaglia d’argento dopo due grandi sfide: semifinale chiusa con 17 punti con il 93% in attacco e finale persa al tie-break, dopo sei match point avuti nel quarto set, e con 12 punti messi a referto. Cosa ti ha lasciato Biella?
“Biella mi ha lasciato dei bei ricordi e un po’ di rammarico per la chance non sfruttata”.

Sconfitta in finale riscattata dopo una manciata di giorni durante la sfida di campionato: altra sfida al cardiopalma e, questa volta, vittoria al tie-break. Cosa è cambiato rispetto alla finale persa?
“Non è cambiato nulla, tranne che abbiamo sfruttato le opportunità avute. È stato bello prendere la rivincita, anche se non ha lo stesso valore della finale di Supercoppa”.

La scorsa stagione è arrivata la sconfitta in gara 5 nella finale scudetto contro Trento. Questa stagione, invece, lo scudetto rimane un obiettivo per Civitanova? E soprattutto, è alla portata di questa Lube?
“Lo scudetto è sicuramente un obiettivo ed è assolutamente alla nostra portata. Speriamo di riuscire a dimostrarlo anche sul campo e non solo a parole”.

L’anno scorso sei arrivato nel nostro campionato come una scommessa, quest’anno invece sei una certezza. Come ti senti?
“Mi sento bene. Sono migliorato e ho più esperienza rispetto alla passata stagione. Sono pronto a tutto per arrivare di nuovo in finale scudetto, ma questa volta per vincere”.