Mazzarri è ufficialmente il nuovo allenatore del Napoli!

Walter Mazzarri, 62 anni, torna sulla panchina del Napoli dopo averlo allenato dal 2009 al 2013

Tempo di lettura: 2 Minuti
893
Mazzarri Napoli

Il presidente Aurelio De Laurentiis ha scelto il prossimo allenatore del Napoli. Dopo aver sondato il terreno per Tudor, il presidente ha optato per Walter Mazzarri.

Mazzarri al Napoli, ecco perché

A far ricadere la scelta su di lui diversi fattori. Innanzitutto c’è la questione contrattuale. Mentre Tudor voleva un’opzione per il rinnovo per un’ulteriore stagione, l’allenatore toscano ha accettato di traghettare la squadra fino a giugno 2024. Questa soluzione permetterà a De Laurentiis di formulare un nuovo progetto per la prossima stagione, magari con Antonio Conte in panchina, o con un nome a sorpresa, come siamo stati abituati.

Un altro elemento a favore è stato la conoscenza del mister con l’ambiente Napoli e con il presidente, con le sue richieste e il suo carattere difficile. Mazzarri nella scorsa esperienza partenopea aveva ottenuto ottimi risultati, allenando calciatori del calibro di Cavani, Lavezzi e Hamsik. Sicuramente ha convinto anche per il suo carattere moderato, meglio visto rispetto a quello da sergente di ferro di Tudor.

Mazzarri torna ad allenare una squadra di calcio dopo Cagliari (stagione 2021-22). La sua carriera è iniziata ad Acireale (2001-02) per poi proseguire alla Pistoiese (2002-03) per arrivare presto in Serie B sulla panchina del Livorno (2003-04). Qui ottiene una promozione in Serie A che gli vale un club importante fuori dalla Toscana, ovvero la Reggina, che guida dal 2004 al 2007. Ottiene sempre ottimi piazzamenti e si fa notare e ingaggiare dalla Sampdoria. Sarà sulla panchina doriana per due stagioni, dal 2007 al 2009.

Nell’ottobre 2009 subentra sulla panchina del Napoli, dove rimane fino al 2013, anno di approdo sulla prestigiosa panchina dell’Inter. Qui, però, fallisce e viene esonerato nel novembre 2014. Dopo l’esperienza inglese al Watford, torna in Italia sulla panchina del Torino e del Cagliari.

Ora torna ancora una volta all’ombra del Vesuvio per aiutare una squadra che ha amato a risollevarsi. Sa di non avere in mano un progetto lungo e ben strutturato, ma ha la possibilità di dimostrare al campionato italiano di essere ancora un valido allenatore, con la speranza di trovare una panchina in estate.