Classifica senza errori arbitrali: Napoli, Torino e Bologna -2 punti in classifica per i torti subiti

Tempo di lettura: 2 Minuti
337

Dopo la conclusione del 12° turno di Serie A arriva il momento della pausa Nazionali e di tirare le somme su queste prime giornate, prendendo in esame il rendimento dei club e la conduzione dei match da parte dei direttori di gara. Secondo la classifica senza errori arbitrali redatta da Superscommesse, che fa un primo bilancio sulle squadre maggiormente penalizzate dalle scelte arbitrali, i club che fino a questo momento hanno subito i più pesanti torti sono stati Napoli, Torino e Bologna, che registrano un -2 punti in classifica.

Squadra

Punti Virtuali

Punti Reali

Saldo

Ep a Favore

Ep Contro

Napoli*

23

21

-2

1

1

Bologna**

20

18

-2

0

2

Torino***

18

16

-2

0

2

Estratto della “Classifica Senza Errori Arbitrali” di Superscommesse

* Con i due punti negati, il Napoli sarebbe terzo in classifica a quota 23 punti.
** Con i due punti negati, il Bologna sarebbe a quota 20 punti in classifica.
*** Con i due punti negati, il Torino sarebbe a quota 18 punti, in zona Europa.

Errori arbitrali Serie A, le sviste che hanno influito sulla classifica

Come anticipato, gli errori arbitrali più importanti  fino ad ora, ossia quelli che hanno contribuito a modificare l’esito finale di un determinato match e potenzialmente la classifica, sono stati principalmente ai danni di Bologna, Napoli e Torino. Ecco le partite in cui si sono verificati:

2° giornata, Juventus Bologna 1-1: Al minuto 71 grave errore dell’arbitro Di Bello e del Var Fourneau. Sull’1-0 per il Bologna, Iling atterra in piena area di rigore della Juventus l’esterno del Bologna Ndoye pronto a siglare il 2-0 a porta vuota. L’arbitro lascia proseguire e il Var non interviene. Mancano il cartellino rosso a Iling e il penalty al Bologna. I rossoblù, con quel rigore negato trasformato in rete, avrebbero ora 20 punti.

4° giornata, Genoa-Napoli 2-2: da rivedere la prestazione dell’arbitro Fabbri che si perde un rigore a favore del Napoli. Al minuto 40, sugli sviluppi di un corner per il Genoa, a gioco ancora fermo, netta spinta di De Winter su Anguissa che cade a terra. L’arbitro non vede la spinta e lascia battere il corner che porta il Genoa in vantaggio. In questi casi il Var non può intervenire perché il gioco era ancora fermo. Errore, quindi, dell’arbitro Fabbri che doveva fermare l’azione in precedenza. Al minuto 62, sul 2-0 per i padroni di casa, manca un penalty al Napoli per fallo di Dragusin su Osimhen. In virtù del 2-2 finale, mancano 2 punti al Napoli in classifica per il mancato rigore assegnato ai Campioni d’Italia. Senza le sviste arbitrali subite, i partenopei sarebbero ora terzi a quota 23 punti.

12° giornata, Monza-Torino 1-1: da rivedere la prestazione del direttore di gara Doveri. In pieno recupero della ripresa, sull’1-1, intervento falloso di Gagliardini in area di rigore del Monza su Lazaro. L’arbitro lascia proseguire e il Var non interviene. A nostro avviso manca un penalty al Torino, e quindi 2 punti ai granata nella nostra speciale classifica senza errori arbitrali. Trasformando il rigore non concesso in gol, la squadra di Juric sarebbe attualmente in zona Europa a quota 18 punti.